• Mercato: Pogba, Real o Barcellona. Luiz Adriano, ciao Milan

Mercato: Pogba, Real o Barcellona. Luiz Adriano, ciao Milan

Spalletti cambia mercato Roma. Juve prepara blitz per Gundogan

Sarà probabilmente il 'tormentone' del mercato estivo ma il possibile futuro trasferimento di Paul POGBA già comincia a smuovere le acque nella finestra invernale, con Real e Barcellona che cercano di portarsi avanti. Una trattativa nell'ordine dei 100 milioni che vede il club blaugrana favorito ma che con l'arrivo di Zinedine Zidane, suo grande estimatore, sulla panchina merengue potrebbe cambiare le carte in tavola. Come andrà lo si saprà solo fra qualche mese, la Juve però sa che può contare su una montagna di soldi da poter spendere per altri top player, come chiede Allegri.

Uno di questi è sicuramente Ilkay GUNDOGAN per il quale il club bianconero avrebbe pronta un'offerta di 25 milioni. Paratici sarebbe pronto a volare a Dortmund ma la trattativa si presenta tutt'altro che semplice. Piccola rivoluzione in attacco in casa Milan: Luiz Adriano saluta tutti e vola in Cina. A prendere il suo posto potrebbe essere un ex: BORRIELLO (sul quale c'è sempre vivo l'interesse di Genoa, Atalanta o della Mls, Montreal o Toronto) o EL SHAARAWY, visto che l'arrivo di Spalletti a Roma ha un pochino mutato le priorità di mercato in casa giallorossa. Il neo tecnico che arriva domani nella capitale ha congelato l'italo-egiziano e PEROTTI, già bloccati da Sabatini, chiedendo al ds di mettersi all'opera per rafforzare la difesa: i nomi che circolano sono quelli di TONELLI (Empoli), DE SCIGLIO (Milan), SANTON (Inter), ADRIANO (Barcellona), CACERES (Juve) e CRISCITO, 'pallino' del tecnico di Certaldo allo Zenit (quest'ultimo arriverà solo se non verrà riscattato DIGNE dal Psg). Solo dopo aver sistemato la difesa si penserà al sostituto di Iturbe.

Il Sassuolo dopo aver chiuso per Stefano SENSI (al Cesena fino a giugno), sta per prendere un altro gioiellino Under 21, Marcello TROTTA dell' Avellino, e pensa allo scambio QUAGLIARELLA-DEFREL col Torino. Molto attivo anche il Bologna che sta per ufficializzare ZUNIGA dal Napoli e pensa al ritorno di Gaston RAMIREZ, sotto contratto col Southampton fino a giugno, e a Sergio FLOCCARI. German DENIS sta per chiudere la sua avventura in Serie A: 'el tanque' va verso la rescissione consensuale con il club orobico (al suo posto arriva DIAMANTI) e potrebbe tornare in Argentina. Un'altra risoluzione annunciata ieri, quella di VIDIC, potrebbe consentire all'Inter, grazie ai soldini risparmiati, di tornare alla carica per LAVEZZI, Lass DIARRA o SORIANO. Considerando che dalla Cina si parla di una mega offerta per GUARIN (ma anche per il giallorosso GERVINHO), non è escluso che i colpi in entrata in casa Inter possano essere due. Ma prima, come ha sempre detto Thohir, le cessioni: tra queste, RANOCCHIA e DODÒ in odore di Samp.

Il Torino dopo Ciro IMMOBILE pensa ad un altro ritorno, quello di EL KADDOURI (Napoli), mentre per AMAURI si profila un ritorno in Brasile (Vasco de Gama). Piuttosto, il club granata dovrà di nuovo resistere alle lusinghe per Bruno PERES, le cui ultime belle prestazioni hanno attirato l'attenzione di big del calibro di Real e Bayern.

Con DE GUZMAN verso la Premier, ZUNIGA ed EL KADDOURI in uscita, la capoclassifica Napoli avrebbe il tesoretto necessario per far vacillare Urbano Cairo per MAKSIMOVIC, ma la forbice tra domande e offerta resta alta. L'alternativa più realistica porta invece a BARBA che Sarri ha allenato l'anno scorso a Empoli. Per il centrocampo il sogno resta Andrè GOMES del Valencia ma ci sono due ostacoli: costa un sacco ed è inseguito dalle big di mezza Europa.

Il Frosinone non dispera di convincere il talentino della Roma GERSON a provare la Serie A per sei mesi con la maglia gialla, mentre la Fiorentina ha la strada in salita (leggi, richieste alte) per LISANDRO LOPEZ e Graziano PELLÈ per il quale il Southampton chiede 15 mln. L'alternativa all'argentino del Benfica è invece il più abbordabile DE MAIO del Genoa che sta per definire l'arrivo di CERCI e di uno tra KOZAK (ex Lazio) e MATOS (oggi al Carpi ma di proprietà della Fiorentina).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA