Mayweather vs Pacquiao, il match del secolo

Cifre da capogiro per match del 2 maggio che è evento sportivo dell'anno

Nessuna conferenza stampa congiunta, la sfida tra Floyd Mayweather jr. e Manny Pacquiao è cominciata con una serie di dichiarazioni a distanza. Sono servite a far crescere un'attesa già spasmodica per quello che è l'evento sportivo più importante del 2015, come testimonia il giro d'affari complessivo di 400 milioni di dollari, o il prezzo dei biglietti a bordo ring, salito a 128mila dollari. O anche i 150 dollari per seguire il match in una delle sale a circuito chiuso che lo trasmetteranno. Per la pay tv ne 'bastano' invece 100, e qui va sottolineato che l'Italia, grazie a Dee Jay Tv, sarà insieme a Messico e Filippine uno dei tre paesi in cui 'l'incontro del secolo' sarà visibile in chiaro e quindi a tutti. Anche se nel caso specifico italiano bisognerà mettersi davanti al teleschermo alle 5 di mattina (con repliche alle 9 di tutta la riunione, e alle 14 e alle 21,30 solo della sfida più attesa). Intanto Mayweather, il cui 'Grand Arrival' a Las Vegas è stato caratterizzato dalla presenza di migliaia di tifosi, dalle marcette eseguite dalla banda della Southern University e dalla performance del rapper Doug E. Fresh, si autoproclama "il pugile migliore di sempre, il più grande", "e lo sarò - aggiunge - anche sabato prima e dopo il match". "Non ho niente di negativo da dire su Pacquaio - spiega -, e mi concentro solo su ciò che di meglio potrò fare sul ring. Non dico mai che questo sarà il mio combattimento più duro o il più facile, so solo che sono un tipo fortemente competitivo e che nel pugilato tutto può succedere. Ma io sono pronto a dare il meglio di me stesso. Mi accusano di essere un pugile che sta troppo sulla difensiva? Rispondo che sono fiero di me stesso, per quello che ho fatto in 19 anni sul ring. I soldi? Ne faccio un sacco con la boxe, ma li restituisco con la mia Fondazione benefica. Pacquiao? Sarebbe un pugile ancora migliore se non fosse così avventato. Ciò lo ha portato a vincere molti incontri, ma lo espone anche al rischio di un Ko". Introdotto da uno show di cantanti e ballerini del suo paese, ha parlato anche il fuoriclasse filippino, il 'buono' della situazione pronto a battersi con il cattivo (Mayweather) e certo di un aiuto dall'alto. "Siete eccitati? - ha detto Pacquiao rivolgendosi ai suoi sostenitori -. Non dovete essere nervosi sabato, perché io salirò sul ring rilassato e sicuro al 100 per cento di vincere. Il Signore, il mio Dio, mi ha dato la forza e farò tutto attraverso Cristo. Rispetto a 5 anni fa, non sento nessun cambiamento nel mio corpo: ho più esperienza senza aver perso velocità o potenza. Anzi sono più veloce dei miei 47 combattimenti precedenti. Non so perché ormai in ogni sfida parto da sfavorito, ma ormai questo ruolo mi piace e alla fine vincerò perché non ho perso il mio killer istinct. E grazie a tutti i giornalisti per aver scritto e parlato così tanto di noi. Avete aiutato la boxe e di questo vi sarò sempre grato: siamo diventati ciò che siamo ora anche per merito vostro". E nell'attesa del match, la lettera scritta da Pacquiao al Presidente dell'Indonesia Joko Widodo è stata, secondo i 'media' Usa, uno dei fattori che hanno indotto quest'ultimo a sospendere l'esecuzione della filippina Mary Joe Veloso, che avrebbe dovuto essere nel gruppo dei trafficanti di droga fucilati a Giakarta. "Dopo questo match voglio andare a trovarla", ha sottolineato Manny, anche lui politico (è deputato) e destinato per molti a un futuro da capo di stato

Il mondiale dei pesi welter tra Floyd Mayweather e Manny Pacquiao, ovvero l'evento sportivo più atteso del 2015, genererà un giro d'affari di 400 milioni di dollari (circa 368 milioni di euro), e non 250 come inizialmente. A dirlo, ad Espn, è stato il promoter Bob Arum, secondo il quale "sembra una cosa folle, ma è così. E' incredibile, una mania, la prossima settimana metteremo in vendita dei biglietti e l'attesa è spasmodica". Lo stesso Arum, e non solo lui, calcola che dalla sola vendita dei 15mila tagliandi (i prezzi variano dai 1500 ai diecimila dollari) per assistere dal vivo all'incontro arriverà la cifra record di 74 milioni di dollari, quindi tre volte e mezzo di più dei 20 incassati al botteghino in occasione della sfida mondiale di Mayweather contro il messicano Canelo Alvarez, nel settembre del 2013. Un primato che ora verrà letteralmente polverizzato per la grande sfida del prossimo 2 maggio, in programma al Mgm Grand Hotel di Las Vegas. Si calcola poi che almeno 3 milioni di persone, tra Usa, Canada e Portorico, acquisteranno il match in 'pay-per-view', e in alta definizione, al prezzo di 100 dollari, battendo così anche il record di audience dei 2,4 milioni di acquirenti che nel 2007 non vollero perdersi il match mondiale del solito Mayweather contro Oscar De La Hoya. A questi introiti, secondo i calcoli di Arum, vanno aggiunti i 35 milioni di dollari che arriveranno dalla vendita dei diritti televisivi del match nel resto del mondo. Altri 5,6 milioni li pagherà il 'main sponsor' dell'evento, la birra Tecate, che ha vinto l'asta con la rivale Corona. Insomma Mayweather-Pacquiao è un mega-evento che giustifica anche, visti i ricavi, le super borse che andranno ai due pugili: 120 milioni di dollari (110 milioni di euro) a Mayweather e 80 (73,5 milioni di euro) a Pacquiao

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA