Elezioni 2018, Renzi si dimette: 'Sconfitta chiara. Ora nuova pagina del Pd'. Di Maio esulta: 'Dato storico'

Sfida M5S-Lega per il governo. Salvini: 'no a intese strane'

Redazione ANSA ROMA

"Deciderà la direzione, io vado a sciare". Lo ha detto il segretario dimissionario del Pd Matteo Renzi a Massimo Giannini, che lo ha rivelato a Circo Massimo su Radio Capital. Renzi ha aggiunto che non intende far parte della delegazione Dem che salirà al Quirinale per le consultazioni per la formazione del nuovo governo.

"Non bisogna fare un altro partito ma lavorare per risollevare quello che c'è. Domani mi vado ad iscrivere al Pd". Così su twitter il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, rispondendo a chi gli chiedeva di iscriversi alla svelta a un partito, o, meglio ancora, di fondarne un altro. A stretto giro il plauso per la scelta di Paolo Gentiloni che sempre via twitter scrive "grazie Carlo".

"Voglio solo collaborare perché il Pd è fondamentale per l'Italia", ha poi scritto su twitter Calenda rispondendo a chi definisce 'naif' l'idea di uno che "arriva da fuori e sistema il Pd".

Matteo Renzi - come anticipato dall'ANSA - ha annunciato le dimissioni da segretario del Pd e il congresso ma al tempo stesso ha fatto sapere che sarà lui a gestire la prossima fase politica fino a dopo le cosultazioni chiudendo la porta ad eventuali 'reggenti' per questa fase. E chiude anche subito a eventuali "inciuci". "Siamo all'opposizione, non faremo la stampella agli estremisti", puntualizza.

Parole che destano però polemiche all'interno del partito.  "La decisione di Renzi di dimettersi e contemporaneamente rinviare la data delle dimissioni non è comprensibile. Serve solo a prendere ancora tempo". Lo dice il capogruppo Pd Luigi Zanda. "Le dimissioni di un leader sono una cosa seria, o si danno o non si danno. E quando si decide, si danno senza manovre". Serve "collegialità che è l'opposto dei caminetti" e "annunciare le dimissioni e rinviarne l'operatività per continuare a gestire il partito e i passaggi istituzionali delle prossime settimane è impossibile da spiegare".

"Penso che annunciare le dimissioni, e non darle, dopo avere subito una sconfitta di queste dimensioni sia vistosamente in contrasto con il senso di responsabilità di lealtà e di chiarezza dovuti al partito, ai suoi militanti, ai suoi elettori", commenta Anna Finocchiaro.

"Come sapete e come è doveroso, mi pare che abbiamo riconosciuto con chiarezza che si tratta di una sconfitta netta, una sconfitta che ci impone di aprire una pagina nuova all'interno del Pd". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi al Nazareno che annuncia, le dimissioni da segretario del Partito Democratico. "E' ovvio che io debba lasciare la guida del partito democratico", ha detto.

"Avevamo detto no a un governo con gli estremisti, non abbiamo cambiato idea". "Non c'è nessuna fuga. Terminata la fase dell'insediamento del Parlamento  - ha detto ancora - e della formazione del governo, io farò un lavoro che mi affascina: il senatore semplice, il senatore di Firenze, Scandicci, Insigna e Impruneta".  Serve "un congresso che a un certo punto permetta alla leadership di fare ciò per cui è stato eletto. Non un reggente scelto da un 'caminetto', ma un segretario scelto dalle primarie", ha aggiunto.

"Diciamo tre no: no agli inciuci, no ai caminetti: l'elemento costitutivo del Pd sono le primarie, no agli estremisti'. 

LA CONFERENZA STAMPA

i

Centrodestra al 37,2%, M5s al 32,5%, centrosinistra al 22,8%. E' la fotografia dell'Italia, scattata sui voti alla Camera, quando i dati sono quasi definitivi (mancano meno di mille sezioni da scrutinare). Nessuna coalizione ha la maggioranza per governare, ma i dati sono chiari. Il MoVimento 5 Stelle è ampiamente il primo partito, con risultati al Sud che ricordano quelli della Dc degli anni '60; la Lega di Salvini al Nord cancella i numeri di quella di Bossi, in generale stacca di oltre 4 punti Forza Italia e porta il centrodestra alle soglie (anche se non oltre) di una maggioranza autosufficiente.

Salvini si è recato ad Arcore per incontrare Berlusconi. Ambienti del Carroccio definiscono "molto cordiale" l'incontro.

Il leader del Pd, Matteo Renzi, ha deciso di dimettersiAlle 17 il segretario ufficializzerà le sue decisioni. 

LA LUNGA NOTTE ELETTORALE

"E' una bella giornata, nonostante la pioggia": queste le parole di Luigi Di Maio (VIDEO) mentre poco dopo le 10 usciva dalla sua abitazione a Roma. "E' un dato storico ed è stata un'emozione indescrivibile", ha aggiunto salendo sull'auto bianca venuta a prenderlo. "Siamo aperti al confronto con tutte le forze politiche - ha detto poi Di Maio dall'hotel Parco dei Principi - a partire dalle figure di garanzie che vorremo individuare per le presidenze delle due camere ma soprattutto per i temi che dovranno riguardare il programma di lavori". "Oggi inizia la Terza Repubblica e sarà una Repubblica dei cittadini italiani", ha aggiunto Di Maio. "Questo è un risultato post-ideologico, che va al di là degli schemi di destra e sinistra: riguarda i grandi temi irrisolti della nazione. Insomma - ripete - temi, non ideologie". 

Intanto Grillo è a Roma.

"La squadra con cui ragionare e governare è quella di centrodestra": così Matteo Salvini commentando dal quartier generale della Lega, in via Bellerio a Milano, i risultati delle elezioni politiche. "Sono uno che mantiene la parola data - aggiunge - e l'impegno preso riguarda la coalizione di centrodestra, che ha vinto e che può governare".

Nel pomeriggio (alle 15) la lettura del voto di Giorgia Meloni.

Grasso: con Di Maio confronto aperto

Sfide collegi: Gentiloni ok, fuori Minniti-Pinotti. Stop a De Vicenti. Padoan spunta Siena. Bene Boschi, Lotti, Madia

Stando agli ultimi dati ufficiali per la Camera (quando appunto mancano circa 5 mila sezioni da scrutinare su 61.401) i 5 Stelle toccano il 32%, Salvini arriva ad un punto percentuale dai dem (19% il Pd, 18% la Lega), Forza Italia è al 13,9% e Fdi al 4,3% (con un 36,2% che fa del centrodestra la coalizione vincente ma lontana dalla maggioranza di governo), Leu è al 3,3% e la Bonino al 2,6%, ad un passo dalla soglia dell'autonomia del 3%. Dati che sostanzialmente si replicano al Senato, dove devono essere scrutinate ancora 5 mila sezioni su 61.401. 

COSA SUCCEDE ORA - IL TIMING

ENGLISH VERSION

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in