• Legge sull'omofobia, due anni e mezzo dopo l'ok della Camera. Che fine ha fatto?

Legge sull'omofobia, due anni e mezzo dopo l'ok della Camera. Che fine ha fatto?

Il testo fermo è in commissione Giustizia al Senato a causa dell'ostruzionismo di Ncd

a cura di Alessandra Chini

Dopo la storica approvazione della legge sulle Unioni civili, il  leader di Sel Nichi Vendola ha ricordato su Facebook che esiste in Parlamento una proposta di legge (approvata in prima lettura dalla Camera) per il contrasto all'omofobia e alla transfobia che è ferma da oltre due anni e mezzo in Parlamento.

Il testo, che ha come prima firma quella del sottosegretario Dem Ivan Scalfarotto, approvato dalla Camera il 20 settembre 2013, e trasmesso dopo 4 giorni a Palazzo Madama, non è nel calendario dell'Aula e non procede da tempo, anche se sono stati da tempo presentati gli emendamenti. Tra gli altri, hanno destato polemica alcune proposte di modifica del senatore Carlo giovanardi accusato dal Movimento cinque stelle di equiparare omosessualità e pedofilia. 

Tra gli emendamenti ce ne sono anche alcuni del Movimento cinque stelle che propongono in caso di condanna l'obbligo di lavorare da sei mesi a un anno in un'associazione che tutela omosessuali, bisessuali, transessuali o transgender. Obiettivo: far capire meglio il mondo contro il quale si e' provata tanta avversione.

Il provvedimento introduce nel nostro ordinamento il reato di discriminazione e istigazione all'odio e alla violenza omofobica. E nella legge Mancino, l'aggravante di omofobia. Temperata, pero', dalla previsione esplicita che "non costituiscono discriminazione la libera espressione di convincimenti o opinioni riconducibili al pluralismo delle idee", anche nel caso siano "assunte" in "organizzazioni" politiche, sindacali, culturali, religiose. E' previsto:

Carcere fino a un anno e 6 mesi o la multa fino a 6.000 euro per chi istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi fondati sull'omofobia o transfobia.

Reclusione da 6 mesi a 4 anni per chi in qualsiasi modo "istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi» fondati sull'omofobia o transfobia".

Reclusione da 6 mesi a 4 anni chiunque partecipa - o presta assistenza - ad organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi aventi tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi fondati sull'omofobia o transfobia. Tali formazioni sono espressamente vietate dalla legge. La pena per coloro che le promuovono o dirigono è la reclusione da 1 a 6 anni.

Nel testo viene specificato che 'non costituiscono discriminazione, né istigazione alla discriminazione, la libera espressione e manifestazione di convincimenti od opinioni riconducibili al pluralismo delle idee, purché non istighino all'odio o alla violenza. 

Infine è previsto che l'Istat faccia rilevazioni con cadenza almeno quadriennale sulle discriminazioni e sulla violenza, misurandone le caratteristiche fondamentali e individuando i soggetti più esposti al rischio.

ECCO LE NORME

L'APPELLO DI MATTARELLA CONTRO L'OMOFOBIA dello scorso anno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in