• Pirati della strada: nel 2014 mille incidenti con omissione di soccorso, 119 i morti

Pirati della strada: nel 2014 mille incidenti con omissione di soccorso, 119 i morti

Le indagini hanno 'smascherato' quasi il 60% dei fuggitivi

Redazione ANSA

Anche se calano gli incidenti stradali, aumentano gli episodi di pirateria, che verranno sanzionati con maggiore severita' una volta approvata il ddl sull'omicidio stradale che ha avuto in primo via libera al Senato. Nel 2014, infatti, sono state 1.009 (+3,7%) le omissioni di soccorso rilevate dall'Osservatorio dell'Asaps, l'associazione sostenitori Polstrada, con 119 vittime (+4,4%), tra cui 46 pedoni, e 1.224 feriti (+4,8%). Le indagini hanno 'smascherato' il 57,8% dei pirati, stranieri nel 24,2% dei casi, mentre sono stati 111 i forestieri vittime dei pirati, pari all'11% del totale tra feriti e deceduti. La maggior parte degli episodi, 141 (14%), sono avvenuti in Lombardia, 105 (10,4%) in Emilia-Romagna, 94 (9,3%) in Veneto e 92 (9,1%) nel Lazio. In coda non arrivano invece alla doppia cifra Molise (6), Valle d'Aosta (2) e Basilicata (1).

L'Osservatorio, con l'11,5% di eventi mortali e l'88,5% con lesioni, prende peraltro in considerazione solo gli atti di pirateria piu' grave, quelli che 'bucano' la cronaca o che i 700 referenti dell'Asaps sul territorio nazionale selezionano sulla scorta di precisi standard di riferimento. L'84,3% degli atti di pirateria avviene di giorno. Gli autori sono in gran parte uomini fra 18 e 45 anni (solo 62 le donne, 7 in meno del 2013, pari al 10,6%), spesso sotto l'effetto di alcol o droga (114 casi lo scorso anno, 19,6%, ma il dato - spiegano gli autori dell'indagine - va considerato assolutamente per difetto), e per questo decidono di scappare.

Una fuga spesso motivata anche dalla paura di perdere punti e patente. In netta crescita i veicoli con assicurazioni scadute o false, circostanza accertata in una cinquantina di casi, ma probabilmente anche in questo caso la cifra e' piu' elevata. Le pene previste finora - ha criticato in passato il presidente dell'Asaps, Giordano Biserni - "sono inconsistenti, da tre mesi a tre anni. Solo in caso di incidente mortale con fuga oggi si rischia di rimanere per un certo periodo in cella". E la condanna media per chi ha ucciso e si e' dato alla fuga "e' quella assurdamente irridente di 2 anni e 4 mesi". Nel 2014 sono stati 121 i pirati arrestati e 462 quelli denunciati. Ancora una volta sono state le categorie deboli, bambini e anziani, a pagare un prezzo elevato: 132 e 152, rispettivamente 13,1 e 15,1%. I pedoni sono la categoria piu' tartassata, con 410 eventi (414 feriti oltre alle 46 vittime), i ciclisti coinvolti 155, con 24 morti e 145 ricoveri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in