Amy Winehouse, sei anni fa la morte della star

Una disperata parabola tra droga, alcol ed eccessi

Redazione ANSA

Puo' esserci solo un'umana rabbia nel dover constatare che la morte prematura della povera Amy Winehouse - avvenuta il 23 luglio 2011 - era prevista. Trovata morta in casa. Dopo un disastro esistenziale da brividi. Anche lei a 27 anni (28 li avrebbe compiuti a settembre), l'eta' degli angeli maledetti, la stessa di Jimi Hendrix, Jim Morrison, Janis Joplin. Gia', Janis: era dai tempi della sua disperata parabola che non si vedeva un talento femminile cosi' grande, un personaggio con un carisma cosi' imponente, una ragazza bianca che cantava come se fosse cresciuta a Memphis, immergendo in una stilosissima salsa british la grande tradizione di Aretha, Ruth Brown, Dinah Washington.

E fa rabbia pensare che l'ultima sua apparizione pubblica, a Belgrado, sia stata un penoso disastro: ubriaca e strafatta e' salita sul palco barcollante e farfugliante, senza riuscire acantare neanche una nota in modo decente. Fischiata, umiliata nel mondo attraverso gli impietosi filmati di Internet. L'inevitabile annullamento della tournee europea, era attesa anche a Lucca, si e' rivelato, purtroppo, il tragico prologo a una fine annunciata. La carriera di Amy e' durata pochi anni: due album, 'Frank', del 2003, promettentissimo esordio, e 'Back to Black' del 2006, il disco dell'esplosione, lo squillante annuncio di una predestinata. Certo a pensare ora che il suogrande hit sia stato 'Rehab', dove lei risponde ''no, no, no...'' ai genitori che la vorrebbero far disintossicare fa venirei brividi.  

Fino a che e' stata in grado, Amy Winheouse era un'interpretestrepitosa anche dal vivo: non aveva una grande estensione e non indulgeva nelle acrobazie un po' gratuite delle sue colleghe piu' celebri. Ma andava all'essenza delle emozioni, come le grandi della musica black, conosceva bene i segreti della melodia, dei sottintesi, cantava benissimo le ballad, vedi 'Loveis a Loosing Game', aveva un suo stile, anche se figlio diretto di una tradizione.

E 'Back to Back' e' un disco con arrangiamenti e suoni perfetti. Non a caso la Winehouse ha creato qualcosa piu' di un trend, ha favorito la rinascita di una sorta di nuova versione della Cool Generation inglese deitardi anni '80, quella degli Style Council, Working Week, i primi Everything but the Girl. Molto presto pero' Amy e' diventata la protagonista assoluto del gossip tossico, come se volesse trasferire nel mondo del pop gli incubi chimici di 'Trainspotting': il suo disastroso matrimonio con BlakeFielder-Civil, fatto di botte, overdose, ricoveri, persino la galera per lui, il divorzio e, in ultimo, la denuncia perstalking nei confronti dell'ex marito da parte della sua nuovacompagna, e' un po' l'emblema di una deriva autodistruttiva che le ha distrutto la vita.

Era un obiettivo privilegiato di paparazzi e specialisti delgossip, il suo lento suicidio e' avvenuto in pubblico, sotto gli occhi del mondo. Niente e nessuno e' riuscito a fermare questo disastro: resta solo una pieta' profonda nel dover raccontare che un talento cosi' speciale se ne sia andato in un modo cosi' triste.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in