• Governo, tecnici agli Interni e all'Economia, la possibile squadra

Governo, tecnici agli Interni e all'Economia, la possibile squadra

Si rafforza l'ipotesi di Di Maio alla Farnesina e Franceschini alla Difesa. L'istruzione a M5S. Fraccaro-Bonafede verso la conferma.

Andrea Orlando fuori, un tecnico, forse di area, all'Economia e all'Interno, un possibile ministero in più per il M5S. Si comincia a delineare la squadra del futuro governo giallo-rosso. Una squadra per la quale gli attori in campo sono tre: Giuseppe Conte, il M5S e il Pd, con la vigilanza del presidente Sergio Mattarella. Vigilanza che si fa attentissima su due caselle chiave come il Mef e il Viminale. All'economia, complice l'asse Conte-Colle, potrebbe andare un tecnico: nelle short list presentate al presidente incaricato il nome politico è quello di Roberto Gualtieri, europarlamentare Pd, sul fronte tecnico circolano i nomi di Giuseppe Pisauro, Lucrezia Reichlin, Salvatore Rossi,Dario Scannapieco e Fabrizio Pagani.
    - Viminale: resta in pole un prefetto come Luciana Lamorgese sebbene nel Pd non si escluda possa andare Dario Franceschini. - Presidenza del Consiglio: la casella di sottosegretario potrebbe essere occupata da un uomo di fiducia di Conte, come l'attuale segretario generale di Palazzo Chigi Roberto Chieppa.
    Vincenzo Spadafora potrebbe restare a Palazzo Chigi anche lui come sottosegretario con una delega specifica, così come Riccardo Fraccaro.

- Farnesina: viene fatto con insistenza il nome di Di Maio per gli Esteri - Difesa: Dario Franceschini. - Infrastrutture: Stefano Patuanelli. - Giustizia: Bonafede. - Istruzione: Nicola Morra o in alternativa Spadafora. - Ambiente: Sergio Costa potrebbe essere confermato. - Infrastrutture: se la dovrebbero giocare Paola De Micheli e Stefano Patuanelli. - Difesa: in pole Lorenzo Guerini. - Mise: in corsa sempre De Micheli, con Castelli e Buffagni. - Agricoltura: Anna Ascani in pole. - Lavoro: Giuseppe Provenzano ma in campo anche Morra. - Sanità: conferma di Giulia Grillo o un nome Pd. Tra le donne Dem restano in corsa Debora Serracchiani, Teresa Bellanova e Lia Quartapelle. Mentre un ministero dovrebbe finire a Leu: in pole c'è Vasco Errani.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA