Conte a Salvini: "Porti chiusi non risolvono tema migranti"

Lettera aperta al ministro, 'è l'ennesima, non l'accetto'

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte duro con Matteo Salvini sul tema migranti:  c'è stato "un chiaro esempio di sleale collaborazione, l'ennesima a dire il vero, che non posso accettare", scrive il premier  in una 'lettera aperta' su Facebook al ministro degli Interni. 
"Siamo ormai agli sgoccioli di questa nostra esperienza di governo. Abbiamo lavorato fianco a fianco per molti mesi e ho sempre cercato di trasmetterti i valori della dignità del ruolo che ricopriamo e la sensibilità per le istituzioni che rappresentiamo. La tua foga politica e l'ansia di comunicare, tuttavia, ti hanno indotto spesso a operare 'slabbrature istituzionali', che a tratti sono diventati veri e propri 'strappi istituzionali', scrive Conte 


"Questo è il momento di insistere in direzione di una soluzione sempre più europea, altrimenti l'Italia si ritroverà completamente isolata in una situazione che diventerà, nuovamente, via via sempre più ingestibile", dice Conte  riferendosi in particolare al caso Open Arms. "In definitiva, se davvero vogliamo proteggere i nostri "interessi nazionali", non possiamo limitarci a esibire posizioni di assoluta intransigenza", scrive Conte. "Francia, Germania, ORomania, Portogallo, Spagna e Lussemburgo mi hanno appena comunicato di essere disponibili a redistribuire i migranti. Ancora una volta, i miei omologhi europei ci tendono la mano".
"Il consenso politico a cui ogni leader politico aspira si nutre della fiducia degli elettori. Ma se non alimentiamo la fiducia dei cittadini nelle istituzioni pubbliche si crea un cortocircuito e alla fine prevalgono rabbia e disaffezione. Dobbiamo tutti operare per riconoscere piena dignità alle istituzioni che rappresentiamo, nel segno della leale collaborazione. Hai alle spalle e davanti una lunga carriera politica. Molti l'associano al potere. Io l'associo a una enorme responsabilità". 

"Comprendo la tua fedele e ossessiva concentrazione nell'affrontare il tema dell'immigrazione riducendolo alla formula 'porti chiusi' - conclude Conte -. Sei un leader politico e sei legittimamente proteso a incrementare costantemente i tuoi consensi" ma "il tema dell'immigrazione è un tema complesso. Va affrontato con una politica di ampio respiro, come ho provato a fare sin dal primo Consiglio Europeo al quale ho partecipato, a fine giugno 2018, evitando di lasciarci schiacciare dai singoli casi emergenziali".  

"Conte ha fatto uno sfogo umorale io devo rispondere con le leggi: per questo è partita dal Viminale una lettera in punta di diritto". Lo ha detto il ministro Salvini al termine del Comitato per l'ordine pubblico a Castel Volturno. "Una nave straniera in acque internazionali non si capisce che attinenza abbia con l'Italia. A che titolo chiede l'intervento alle autorità italiane? Qual è la ratio della domanda e della risposta? in silenzio abbiamo fatto scendere chi aveva necessità, senza letterine", ha aggiunto Salvini.

"Con me i porti sono e rimarranno CHIUSI ai trafficanti e ai loro complici stranieri. Ed è chiaro che, senza questa fermezza, l'Unione Europea non avrebbe mai mosso un dito, lasciando l'Italia e gli Italiani soli come ha fatto negli anni dei governi di Renzi e del Pd". Così il ministro Matteo Salvini replica alla lettera aperta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Sulla questione dell'assistenza ai minori a bordo "la Spagna, stato costiero che ha giurisdizione sulla Open Arms, compreso per ciò che riguarda la tutela dei diritti delle persone a bordo, andrebbe investita della questione posta nella nota". E' quanto ha scritto il ministro Salvini in una lettera al premier Conte che ieri in una nota ha richiamato l'attenzione sulla presenza a bordo della nave "di alcune decine di presunti minorenni in condizioni di emergenza e in pericolo di vita".

"Secondo me non c'è possibilità, poi se qualcuno vuole dialogare io sono qua, sono la persona più paziente del mondo e il mio telefono è sempre acceso e in questi giorni squilla parecchio". Così il vicepremier e ministro dell'interno Matteo Salvini ha risposto a chi gli chiedeva se ci fosse ancora la possibilità di un'apertura ai 5S.

"Sono disposto a fare un patto con Di Maio, io gli consegno i miei computer e lui in cambio permette agli italiani di andare a votare subito. Così Armando Siri su Affaritaliani dopo che il vicepremier M5s ha accusato la Lega di far cadere il governo per evitare che il Senato votasse l'autorizzazione al sequestro del computer dell'ex sottosegretario della Lega. "I miei computer sono a disposizione anche domani mattina. Non ho niente da nascondere. Non ho niente a che fare con la mafia, con i rubli, con pseudo complotti sovranisti e altre scemenze di questo tipo. Siamo al ridicolo di chi non ha argomenti seri da utilizzare e cerca del becero gossip" afferma l'ex sottosegretario accusato di corruzione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA