• Salvini: 'La Tav si farà, pastori non bloccheranno voto in Sardegna'

Salvini: 'La Tav si farà, pastori non bloccheranno voto in Sardegna'

Reddito di cittadinanza: 'Aiutare 5 milioni di poveri è giustizia sociale'

"Non c'è alcun blocco della Tav, c'è solo una revisione del progetto con l'obiettivo di portare a termine il progetto". Lo ha detto a 'Mattino 5' il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ribadendo la sua posizione sull'alta velocità. "Faccio e farò tutto il possibile - ha aggiunto - perché la Tav si faccia, il progetto può essere rivisto e si possono risparmiare dei soldi, ma il treno inquina meno e costa meno delle auto". Al momento però i cantieri si fermano. "Erano già fermi - ha risposto Salvini - e spero ripartano prima possibile". Rispondendo alla proposta del Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiampartino di verificare la possibilità di indire una consultazione popolare sulla Tav, Salvini  ha detto di essere "sempre e comunque favorevoli ai referendum". 

Commentando la misura bandiera dei cinquestelle, il reddito di cittainanza, Salvini ha cosi commentato: "Abbiamo messo tutti i paletti possibili per evitare i furbetti e vedremo i fatti. Ma aiutare i 5 milioni di poveri e i 3 milioni di disoccupati è un atto di giustizia sociale.  E' giusto pensare agli imprenditori - ha aggiunto - ma dobbiamo pensare anche a chi non ce la fa.     Aiutare gli ultimi, i disoccupati, i dimenticati è un atto di giustizia di cui vado fiero".    Salvini ha poi sostento che con la manovra gialloverde sono state messe a punto "contromisure sufficienti" per poter "ridurre gli effetti di una crisi che è a livello mondiale".

    "C'è una situazione mondiale difficile - ha aggiunto - l'economia rallenta e per questo abbiamo fatto una manovra economica opposta, che non taglia e anzi mette dei soldi nelle tasche dei cittadini italiani". I risultati, ha concluso, "li vedremo nei prossimi mesi".

E dopo aver bollato come "uno scherzo di carnevale" la richiesta di risarcimento danni avanzata da 41 eritrei arrivati in Italia con la nave Diciotti lo scorso agosto, in merito alla vicenda del maestro umbro accusato di aver additato un alunno di colore e averlo definito "brutto" perché nero, ha detto: "Sono vicino a quel bambino, ma non può essere sempre tutta colpa di Salvini, come pensano i professoroni e dei commentatori di sinistra". 

"Ci sono tante Regioni nuove che stanno chiedendo autonomia, fortunatamente anche al Sud. Se c'è bisogno di più regioni e di coinvolgere il Parlamento per fare le cose per bene, siamo pronti ad ascoltare tutti". Lo afferma il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, commentando le parole del premier Giuseppe Conte secondo il quale per la riforma serviranno mesi.

Dopo la lite di ieri tra migranti finita a coltellate in un centro di accoglienza a Sinnai (Cagliari), Salvini ha assicurato di essere al lavoro "per espellere i finti profughi che arrivano per delinquere e portarci la guerra in casa. E soprattutto per evitare che altri ne arrivino. Siamo orgogliosi di aver fatto crollare gli sbarchi dei clandestini in Italia e in Sardegna" . "Come ministro - ha detto ancora - garantirò la libertà e il diritto di un voto trasparente pacifico e democratico. Penso che sia l'ultimo degli interessi dei pastori e degli allevatori bloccare il voto di domenica, anche perchè ormai quasi ci siamo. In questi giorni hanno dimostrato tutti buon senso, quindi non penso che nessuno faccia qualcosa di strano domenica. Non è un appello - aggiunge - è un grazie per come si sono comportati i pastori nei giorni scorsi e per come si comporteranno nei prossimi giorni". 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

      Video ANSA