• Dalla Ue 6.000 euro per ogni migrante salvato. Salvini: "L'Italia non ha bisogno elemosina"

Dalla Ue 6.000 euro per ogni migrante salvato. Salvini: "L'Italia non ha bisogno elemosina"

Il ministro dell'Interno: "L'ipotesi non esiste"

"Centri controllati" nei Paesi Ue "su base volontaria" per migliorare le procedure di asilo e accelerare i rimpatri degli irregolari. E' la proposta della Commissione Ue inviata alle capitali e che prevede sostegno finanziario agli Stati che accettano di ospitare i centri. Inoltre, i Paesi che accettano il trasferimento dei migranti sbarcati in uno dei centri controllati - si legge nel documento che l'ANSA ha potuto visionare a Roma - riceveranno 6 mila euro per ogni profugo.

 "Se vogliono dare soldi a qualcun altro lo facciano, l'Italia non ha bisogno di elemosina", dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini respingendo al mittente la proposta dell'Ue. "L'ipotesi non esiste, anche perché nel corso del tempo ogni richiedente asilo costa tra i 40 mila e i 50 mila euro". Dunque Bruxelles, ha aggiunto il ministro, "l'elemosina se la può tenere. Noi vogliamo chiudere i flussi in arrivo per smaltire l'arretrato di centinaia di migliaia di presenze. Non chiediamo soldi ma dignità e ce la stiamo riprendendo con le nostre mani".

La proposta Ue  (IL TESTO INTEGRALE IN PDF) - La Commissione Ue propone il concetto di piattaforme di sbarco dei migranti nei Paesi non Ue in stretta cooperazione con l'Oim e l'Unhcr e in collaborazione con i paesi terzi. L'obiettivo è contribuire a garantire una responsabilità regionale realmente condivisa nel rispondere alle complesse sfide migratorie, ridurre le morti in mare e garantire uno sbarco ordinato e prevedibile. Non si tratterà di campi né di centri di detenzione, ma di aree gestite nel pieno rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani.

La Commissione europea svolgerà una funzione di coordinamento tra gli Stati membri. In altre parole si tratterà di una sorta di cabina di regia, ma sarà solo una misura provvisoria fino a quando non sarà possibile istituire un sistema completo nel contesto della riforma del sistema europeo comune in materia di asilo.

La Nato: se una barca è in difficoltà si deve intervenire - "Quando un marinaio incontra una barca in difficoltà deve sempre intervenire con l'obiettivo di salvare vite umane. E' una regola del mare". E' quanto ha detto l'ammiraglio James Foggo, comandante del Comando Nato di Napoli, in occasione della prima giornata di studio dell'Hub di direzione strategica della Nato per il Sud. "La Marina opera in completa autonomia e può decidere anche le modalità di intervento".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA