Salvini: lunedì data voto o andiamo a Roma

Ci hanno fermato stavolta, non lo faranno la prossima volta

"Vogliamo domani (lunedì ndr) una data per le elezioni, altrimenti veramente andiamo a Roma. Dopo anni hanno gettato la maschera". Lo afferma Matteo Salvini in diretta Fb. "Stavolta ci hanno fermato, ma non lo faranno la prossima volta". "Non capisco le dichiarazioni di Berlusconi: invece di dire mezza parola a difesa di un suo alleato, dice sostanzialmente viva Mattarella, viva la Merkel. Ora non voglio fare scelte affrettate, ma parliamo domani".  "Ora dico a Mattarella che vogliamo una data per le elezioni: ma non saranno elezioni politiche ma un referendum a difesa della democrazia". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini. "La prossima volta votare serve dieci volte tanto, sarà un plebiscito. O si vince o si muore, o si cambia o si scappa"

 

"Per il governo che ha in mano il futuro dell'Italia decidono gli italiani, se siamo in democrazia. Se siamo in un recinto dove possiamo muoverci ma abbiamo la catena perché non si può mettere un ministro che non sta simpatico a Berlino, vuol dire che quello +è ministro giusto e vuol dire che se ci sono ministri che si impegnano ad andare ai tavoli europei" a difendere gli interessi italiani "parte il governo, se il governo deve partire condizionato dalle minacce dell'Europa il governo con la Lega non parte". Così Matteo Salvini a Terni.

"Noi non siamo al ricatto di nessuno. Se abbiamo la certezza di poter lavorare liberamente da domani mattina sono ufficio. Ma se qualcuno mi dice vai in ufficio ma con calma e poi vediamo lo spread, i vincoli, allora no: così non si può lavorare bene. Se siamo in democrazia e rimane solo una cosa da fare restituire la parola agli italiani". Lo ha detto Matteo Salvini in comizio a Terni.

"Non lo conoscevo, ho trovato in Di Maio una persona ragionevole". Lo ha detto Matteo Salvini, in un comizio a Terni.

"Noi Ce l'abbiamo messa tutta, se qualcuno si prenderà la responsabilità di non far nascere un governo pronto domani mattina, lo vada a spiegare a 60 milioni di italiani". Lo afferma da Terni il leader della Lega Matteo Salvini.

"Eravamo riusciti a mettere nella lista dei ministri che in questi minuti il presidente incaricato sta consegnando al presidente della Repubblica un elenco di idee, di nomi e cognomi, di gente che da domani vorrebbe o avrebbe voluto cominciare a lavorare e trasformare in realtà la speranza di milioni di italiani. Però abbiamo un principio che viene prima di tutto, per l'Italia, per i nostri figli e per gli italiani decidono solo gli italiani, non decidono tedeschi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA