Governo pone la fiducia sul Rosatellum, caos in Aula e in piazza

Pressing maggioranza, ok Fi e Lega a legge

Su pressing di Pd e Ap il governo decide la fiducia sul Rosatellum 2.0 per scavalcare gli oltre 100 voti segreti che avrebbero affossato la legge sotto i colpi dei franchi tiratori, molti nelle file della maggioranza. Una decisione che scatena in aula e in piazza M5S e Mdp che gridano all'"atto eversivo" mentre Fi e Lega non voteranno le 3 fiducie sugli articoli ma diranno sì al voto finale sulla legge, che sarà segreto. In un clima già infuocato, con urla in Aula e M5S e Mdp che annunciano una mobilitazione permanente nelle piazze, si voterà oggi e domani, e non si esclude una appendice venerdì.

Poi la legge passerà al Senato dove non dovrebbe avere problemi, visto che non sono ammessi voti segreti. Dopo aver valutato tutte le strade, tra tattiche parlamentari e "canguri" per far decadere gli emendamenti, il Pd ha capito che l'unico modo sicuro per far approvare la riforma elettorale era chiedere la questione di fiducia al governo sulla legge del voto per un terzo maggioritaria e per due terzi proporzionale. Dopo una serie di valutazioni e di contatti con Palazzo Chigi e con il Quirinale, il capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato, al termine dell'ultima riunione di maggioranza, comunica al premier Paolo Gentiloni che "è opportuna la fiducia per salvare l'equilibrio" del testo raggiunto tra maggioranza e opposizione.

"Se lasciate che vengano di nuovo cambiate le regole elettorali per far sì che la melma del paese torni in alto, ancora una volta saranno i vostri figli a farne le spese": così Beppe Grillo, in un lungo post sul suo blog, chiama i cittadini alla responsabilità alla lotta contro il Rosatellum.

"La democrazia oggi è in pericolo, è a rischio. Il Parlamento viene composto dai rappresentanti del popolo. Con questa legge sarà composto da rappresentanti dei partiti", dice oggi Alessandro Di Battista (M5s), su Radio Capital. "Mattarella ci pensi cento volte prima di firmare questa legge", aggiunge ancora Di Battista.

Secondo Matteo Salvini, "se non passa questa Legge elettorale perché ci sono i voti segreti, e anche questo secondo me è irrispettoso, andremo a votare con il vecchio proporzionale e quindi ci sarà l'anarchia, il caos". "Il voto segreto andrebbe tolto. Tu hai la tua faccia, la tua dignità e voti in trasparenza verso gli elettori non se hanno promesso o meno di ricandidarti - ha aggiunto durante '24 mattino' - Abbiamo posto più volte a Renzi la questione del 'vincolo di mandato': se durante la partita decidi di cambiare squadra, o mandato, ti dimetti, ce ne sono alcuni che cambiano la squadra come i calzini alla mattina".

"Questa legge ha un solo vero obiettivo; preparare il governo Renzi-Berlusconi": con queste parole Nicola Fratoianni, Segretario della Sinistra Italiana ha parlato ai microfoni di "6 su Radio 1" della legge elettorale 'Rosatellum bis'. Sarebbe meglio - ha proseguito Fratoianni - che tutti si assumessero la responsabilità di dire la verità di fronte agli italiani, credo che aiuterebbe la 'pulizia' della comunicazione politica".

Il Quirinale, poco prima del consiglio dei ministri che "blinda" la legge elettorale, fa sapere di "considerare positivo l'impegno" a fare la riforma, senza entrare nel merito del Rosatellum e nella scelta di decidere la fiducia. L'ultima offerta a Mdp e M5S di ritirare i voti segreti per evitare la fiducia arriva già a tempo scaduto. "Mettere la fiducia sulla legge elettorale a pochi giorni dallo scioglimento delle Camere è oltre i limiti della democrazia", si infuria Roberto Speranza per una decisione che ha l'effetto di compattare la sinistra del Pd, dagli ex dem a SI fino a Campo Progressista di Giuliano Pisapia e Possibile di Civati, oggi pomeriggio tutti in piazza al Pantheon. "Siamo in piena emergenza democratica", si indigna il candidato premier M5S Luigi Di Maio.

"In piazza contro 'il colpo di Stato' istituzionale", ha incitato ieri Di Battista che però, uscendo in piazza Montecitorio, sbaglia sit in, arriva tra i sostenitori dell'ex generale Pappalardo e viene fischiato. M5s sarà in piazza e l'invito è a esserci "anche senza bandiere ma venite - incitano i pentastellati - perché se siamo 2mila è un conto se siamo 40mila un altro". La bagarre scoppia subito in Aula quando il ministro Anna Finocchiaro annuncia l'intenzione del governo. Urla di 'Venduta, venduta' all'indirizzo della presidente della Camera Laura Boldrini, lancio di rose verso i banchi del governo, seduta sospesa.

"I due partiti che oggi contestano la riforma elettorale chiedendo il proporzionale, sono gli stessi che hanno affossato il modello tedesco che era proporzionale", contrattaccano dal Pd. Ma al di là dello scontro con i partiti contrari alla legge, la decisione della fiducia e anche alcuni punti del Rosatellum creano malumori e prese di distanza all'interno del Pd. Annuncia che non voterà la fiducia il deputato lettiano Marco Meloni e dubbi arrivano anche dall'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che chiede di cancellare dalla legge elettorale l'indicazione del capo politico al momento della presentazione delle liste dei partiti. Ma, secondo i più, il voto finale segreto difficilmente riserverà sorprese.

Il Rosatellum 2.0  

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA