I numeri che hanno salvato Minzolini, Pd e Ap decisivi

42 maggioranza con FI, 19 ok da Pd. E blog Grillo pubblica nomi

 Quarantadue esponenti della maggioranza con FI: uniti nel dire 'niet' alla decadenza di Augusto Minzolini da senatore. Numericamente sta tutto qui il 'patto' - almeno questa è l'accusa del M5S - tra maggioranza e azzurri sul voto che ha trascinato nel caos Palazzo Madama.
    Un voto netto, quello contro la decadenza di Minzolini, e in particolare sull'ordine del giorno di FI che respingeva la deliberazione della Giunta delle Immunità. In totale, i "sì" all'odg sono stati 137, i "no" 94, gli astenuti 20. Ma nel mirino - nonché in una lista pubblicata sul blog di Beppe Grillo - sono finiti i 19 Dem che hanno detto sì a FI. Dei senatori Dem che hanno 'salvato' Minzolini ben pochi, in realtà sono renziani. La lista, se letta sotto la lente delle correnti interne, è variegata e include, ad esempio, ex civici, franceschiniani, perfino ex storici militanti del Pci. Ecco i nomi: Capacchione, De Biasi, la vicepresidente del Senato Di Giorgi Fasiolo, Fattorini, Favero, Fiossore, Giannini, Ichino, Manconi, Maran, Margiotta,Moscardelli, Mucchetti, Scalia, Sposetti, Susta, Tonini, Tronti. Nomi ai quali, sempre per la maggioranza, vanno aggiunti i 23 sì arrivati da Ap e i 7 voti a favore giunti dal Gruppo Autonomie.
    Allargando il campo, all'odg azzurro hanno detto sì anche verdiniani, Lega e Cor. Compatti a favore della decadenza, invece, oltre ai senatori M5S anche gli scissionisti del gruppo Mdp (solo 4 le assenze).
    Ma sono i voti della maggioranza ad esser stati decisivi anche perché, al Senato, l'astensione vale come voto contrario.
    Così come decisivi sembrano esser stati anche i 24 senatori Dem assenti, di cui solo 7 'giustificati'. Assenti che il blog di Grillo mette sul banco degli imputati pubblicando - al pari dei 19 sì - nomi e cognomi dei parlamentari Pd. Con un titolo che non lascia spazio a dubbi: "La lista dei senatori Pd che hanno salvato Minzolini e cancellato la Severino". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA