Legge stabilità, dal governo stop a manutenzione edifici scuole

Bonus bebè raddoppia sotto i 7 mila euro

"Ancora una volta il Governo ferma un emendamento che estenderebbe anche alle scuole superiori la possibilità di avviare nuovi investimenti in sicurezza e infrastrutture": lo dichiara il Presidente dell'Upi Alessandro Pastacci, alla notizia che l'emendamento alla Legge di stabilita' che avrebbe permesso anche alle Province di avere sgravi di patto di stabilita' per gli investimenti nelle scuole, e' stato ritirato su richiesta del Governo. "Eppure - sottolinea Pastacci - l'emendamento era stato presentato da un nutrito gruppo di deputati Pd e aveva anche la copertura economica.

Questa determinazione a non volere permettere che si aprano cantieri per opere indispensabili nelle oltre 5000 scuole superiori del Paese, in cui studiano tutti i giorni più di 2 milioni e mezzo di ragazzi lascia davvero sconcertati. Facciamo appello al Governo - prosegue il leader delle Province - a volere superare questa posizione, che non ha nulla a che fare con le Province ma lede i diritti degli studenti e di tutti quelli che ogni giorno si recano a lavorare nelle scuole superiori italiane".

Ed è 
polemica sulla social card agli immigrati. "Il governo ritiri l'emendamento sulla social card agli stranieri" e "valuti questa richiesta anche per meglio riformulare l'emendamento stesso. Non è chiaro se il governo voglia estendere la social card o destinare risorse per ottemperare a precedenti obblighi e sanare il contenzioso con le Poste". Lo dichiarano il capogruppo Ncd alla Camera Nunzia De Girolamo, il capogruppo Ncd in commissione Bilancio Paolo Tancredi e la vicepresidente Barbara Saltamartini che ha formalizzato la richiesta in commissione Bilancio.

"La social card estesa agli immigrati è una provocazione inaccettabile. Il clima di intolleranza e di esasperazione è tale che questa ipotesi getta benzina sul fuoco. Èpoi penoso il tentativo dell'Economia di spiegare un palese errore con commenti tecnici. Lo dichiara il senatore di FI Maurizio Gasparri. "Il regalo agli immigrati Renzi non può farlo sulla pelle degli italiani. Perché invece non estende la platea degli ottanta euro, perché non pensa ai pensionati che hanno la retribuzione minima, ai quali non ha dato nulla ma ha aumentato le tasse a cominciare da quelle sulla casa? Renzi aveva venduto in diretta tv come cosa approvata il bonus bebè e invece si conferma il solito bugiardo e sotto banco vuol far passare un'assurdità come questa. L'incapacità di questo governo che si fa beffe degli italiani non è più tollerabile. Invece di distendere il clima fomenta l'odio. Sono degli irresponsabili che vanno fermati", conclude.

In un Tweet il Tesoro spiega: ''Emendamento evita che tutti beneficiari debbano restituzione soldi gennaio-marzo 2014''.

 

Per il il presidente della commissione Bilancio di Montecitorio, Francesco Boccia, però, "l'emendamento del governo relativo alla social card (anche per gli immigrati) è sbagliato e oggi non sarà nemmeno votato". Per Boccia la proposta è "tecnicamente fatta male" e chiede che "venga ritirata per essere riformulata". "Se l'obiettivo è far recuperare a Poste risorse già anticipate - spiega - la strada non è quella indicata dall'emendamento del governo".

Bonus bebè solo per i nuclei familiari che presenteranno un Isee non superiore ai 25 mila euro (la soglia di reddito precedente era di 90mila euro e non si prevedeva l'uso dell'Isee). L'assegno raddoppia per chi non supera un Isee di 7 mila euro annui. Lo prevede un emendamento del relatore alla legge di stabilità.

Via libera della commissione Bilancio della Camera all'emendamento del governo alla Legge di Stabilità che stanzia ulteriori 400 milioni nel biennio 2015-2016 per gli ammortizzatori sociali.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA