• Legge di stabilità, Enti locali: 'Rischiamo il default'. Padoan: 'Sistema bancario è solido'

Legge di stabilità, Enti locali: 'Rischiamo il default'. Padoan: 'Sistema bancario è solido'

Cgil: 'Disastro sociale'

Critiche nelle audizioni in Parlamento sulla legge di stabilità. Il presidente della Conferenza delle Regioni Chiamparino preannuncia proposte per 'rendere più stringente il patto della salute e costi standard per tutti'. Il presidente dell'Anci Fassino denuncia, 'così è insostenibile, lo sforzo dei Comuni arriva a 3,7mld'. Dall'Upi l'allarme sulla 'impossibilità di mantenere alcun tipo di servizio' tra cui 'strade, scuole e trasporto pubblico locale'. Rete imprese fa 'il tifo perché il Tfr non funzioni, è una botta di impoverimento per le Pmi' e Confcommercio stima -65mld di consumi con l'aumento dell'Iva.

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, in audizione alla Camera. La riduzione del rapporto debito/pil "rimane una sfida ineludibile per l'Italia, che possiamo vincere solo tornando a crescere in modo sostenuto e stabile", ha detto. La "manovra è anche espansiva per avviare un consistente taglio delle tasse e fornire la spinta alla ripresa", ha spiegato aggiungendo che "i consumi privati hanno in parte risposto alle misure del governo" ma c'è "ancora incertezza per gli investimenti". Poi ancora: ci sarà una "fase di stagnazione anche nel secondo semestre 2014 con una contrazione del Pil dello 0,3%. Ma il quadro si fa piu' confortante con un significativo incremento dell'occupazione a settembre".
"Il sistema bancario italiano è solido e pronto a sostenere la ripresa", ha detto il ministro dell'Economia. Con la Legge di Stabilità si attiva un ''fondo di 6 miliardi nel triennio per il finanziamento degli ammortizzatori sociali". Cioè ''le politiche di bilancio e le riforme si saldano", ha spiegato Padoan.
E' "essenziale che la legge di stabilita' mantenga la sua compattezza", ha spiegato il ministro dell'Economia in audizione in Parlamento. Con la legge di stabilità, il beneficio medio complessivo in termini di minore imposta Irap pagata dalle imprese "è stimato pari al 36,8%. Sotto il profilo della dimensione aziendale, il beneficio si concentra tra le grandi imprese a maggiore intensità di lavoro".
Nella manovra, spiega Padoan, ci sono "misure concrete e ambiziose volte a imprimere una forte accelerazione al processo di riforma strutturale dell'economia, per una nuova e sostenibile ripresa della crescita e dell'occupazione". 

A Palazzo Chigi l'incontro tra il governo e Anci per approfondire i temi legati alla legge di stabilità. Per l'esecutivo è presente il presidente del consiglio Matteo Renzi, insieme al sottosegretario Graziano Delrio e la ministra per gli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta. La folta delegazione Anci è guidata dal presidente Piero Fassino. "L'incontro di oggi con il governo è stato preceduto da approfondimenti tecnici tra esperti dell' Anci e del ministero dell'Economia. L'incontro - ha detto Fassino dopo l'incontro a Palazzo Chigi - ha consentito di compiere alcuni primi passi in avanti nella ridefinizione delle misure della legge di stabilità". 

"Faremo le nostre proposte, che si muovono lungo due assi principali: rendere più stringente il patto della salute per recuperare risorse per fare investimenti in sanità e costi standard per tutti". Lo dice il presidente della Conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino a margine dell'audizione sulla legge di stabilità.

"Mettendo insieme tutti i titoli della nostra proposta il concorso ai saldi potrebbe addirittura andare anche sopra i 4 miliardi", ha affermato Chiamparino in audizione sulla legge di Stabilità. Chiamparino ha sottolineato di "condividere" personalmente l'impianto della manovra ma, avverte, bisogna stare attenti "agli effetti collaterali sia in termini di servizi, sia di fiscalità e tariffazione locale connessi all'erogazione di questi servizi da parte degli enti locali".

"Nel momento in cui ci si fa carico di partecipare a una riduzione di spesa nazionale è impossibile non toccare anche la sanità, l'80% della spesa delle Regioni": così Chiamparino sempre in audizione sulla legge di Stabilità. "Cerchiamo di farlo - aggiunge - lavorando sul tendenziale e non sulle cifre del Patto per la salute che includono già un processo di miglioramento delle prestazioni". Il Patto, ricorda, "è il programma teso a fare si che la famosa siringa abbia lo stesso valore" in tutta Italia.

"La vulgata" è che il taglio "per i comuni sia di 1,2 miliardi ma lo sforzo chiesto nei nostri calcoli" arriva a "circa 3,7 miliardi", ha detto il presidente dell'Anci Piero Fassino in audizione sulla legge di Stabilità.

"Il taglio di 1 miliardo per città e province rischia di far partire in default questi nuovi enti", ha aggiunto Fassino. Stesso allarme lanciato da Sergio Chiamparino, che parla di "rischio effetto domino" perché questi enti hanno competenze che hanno bisogno di risorse.

"Tra tagli diretti e indiretti c'è il rischio che si scarichi sul territorio una manovra francamente insostenibile": così Fassino in audizione sulla legge di Stabilità "Chiediamo a commissioni e dopo chiederemo al governo, di valutare quali elementi correttivi introdurre per rendere sostenibile la manovra".

Rete Imprese, tifo perché Tfr non funzioni - "Facciamo il tifo perché il Tfr non funzioni, è una botta di impoverimento" per le Pmi. Se tutti i lavoratori lo chiedessero "per noi sarebbe un disastro". Lo afferma Cesare Fumagalli, rappresentante di Rete Imprese in audizione sulla Stabilità. "Se questo stimolo al consumo è così necessario - dice - perché il datore pubblico si è esonerato?".

Cgil, patrimoniale su grandi ricchezze - "Un piano straordinario per l'occupazione giovanile e femminile, da finanziare attraverso un'imposta sulle grandi ricchezze finanziarie (solo sul 5% delle famiglie ultraricche d'Italia). Con un gettito di circa 10 miliardi l'anno si potrebbero davvero creare oltre 740mila nuovi posti di lavoro". Lo chiede la Cgil in Parlamento.

Upi, a rischio scuole, strade e trasporti - "Le simulazioni operate con riduzioni progressive di 1,2 e 3 miliardi nel triennio sono chiare ed indicano l'impossibilità di mantenere alcun tipo di servizio, neanche minimo" tra cui "strade, scuole e trasporto pubblico locale". Lo dice Daniele Bosone, rappresentante dell'Upi nel corso dell'audizione sulla legge di stabilità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA