The Interview va alla grande al botteghino, incassi per un milione di dollari

Hacker attaccano Sony e Micriosoft, per alcune ore spente le piattaforme online Playstation e Xbox

Nonostante sia uscito in poco piu' di 300 sale cinematografiche invece che nelle 2.000 inizialmente previste, il film satirico 'The Interview', nel giorno della 'prima' e' andato a gonfie vele. Secondo i primi dati riferiti dalla Cnn, nel giorno di Natale il film ha incassato al box office quasi un milione di dollari e nel week-end potrebbe facilmente raggiungere i due milioni. I veri guadagni arriveranno pero' prevedibilmente dal noleggio e vendita online. Il 24 dicembre la Sony Pictures ha reso 'The Interview' disponibile in internet attraverso Google Play, YouTube Movies, Microsoft's Xbox Video e un sito chiamato www.seetheinterview.com. Al momento non e' noto quanto il film abbia incassato nel web, ma ieri per Google Play era il 'best seller' numero uno.

Intanto sono rimasti disabilitati per diverse ore i servizi online di Xbox e Playstation (PSN), prodotti rispettivamente da Microsoft e Sony. Lo riferisce la Bbc. Le reti delle due consolle sono state attaccate da un gruppo hacker, 'Lizard Squad' (la squadra della lucertola), che aveva preannunciato l'azione a inizio mese. Il 9 dicembre un altro attacco di Lizard Squad.

Al momento non emergono collegamenti con gli attacchi alla Sony per il film "The Interview" che ha debuttato anche nei cinema il giorno di Natale.

Le polemiche sul caso The Interview non si placano. La Russia "comprende" la collera della Corea del Nord e giudica la pellicola "aggressiva e scandalosa". "L'idea del film (un complotto della Cia per uccidere Kim Jong-un) è talmente aggressiva e scandalosa che la reazione nordcoreana è comprensibile", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Alexandre Loukachevitch. La Russia "è preoccupata dalla nuova escalation di tensioni tra Stati Uniti e Corea del Nord", ha aggiunto il portavoce.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA