Siria: i lealisti conquistano metà di Aleppo est

Mosca: conquistati altri due quartieri. Sono 16mila i nuovi sfollati. Almeno 40 civili uccisi nelle ultime 24 ore

"Praticamente metà dei quartieri conquistati dai miliziani ad Aleppo est negli ultimi anni sono stati completamente liberati" da parte delle truppe di Damasco: lo ha detto il generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa di Mosca, alleata del controverso presidente siriano Bashar al Assad. "La situazione è cambiata drasticamente nell'ultimo giorno grazie alle azioni ben preparate e accurate delle truppe siriane", ha dichiarato il generale russo.

L'avanzata ad Aleppo est delle truppe lealiste è proseguita nella notte, come riferisce il ministero della Difesa russo secondo cui nelle ultime 24 ore i quartieri "liberati" sono saliti a 14: quindi due in più rispetto ai 12 di cui ieri dava notizia Mosca. Secondo il ministero della Difesa russo, "dalle zone controllate dai miliziani sono usciti oltre 8.500 civili, tra cui circa 4.000 bambini". Inoltre, sempre stando a Mosca, "nelle ultime 24 ore più di 140 miliziani hanno interrotto la resistenza e sono usciti attraverso i corridoi".

E' però di almeno 40 civili uccisi nelle ultime 24 ore il bilancio di raid aerei governativi siriani e russi su Aleppo est, nel nord della Siria, come rilevano fonti dal terreno a conferma di quanto riferito dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) e dall'Aleppo Media Center, entrambe piattaforme vicine alle opposizioni armate. I media governativi siriani non fanno menzione di vittime nei bombardamenti. E' impossibile verificare in maniera indipendente sul terreno le informazioni provenienti da Aleppo.

Ci sono nuovi 16mila civili siriani in fuga dall'avanzata governativa su Aleppo est, nel nord della Siria. Lo ha annunciato il vice-segretario generale dell'Onu per gli affari umanitari e il coordinatore per gli aiuti di emergenza Stephen O'Brien. Il vice-segretario generale spiega che questi 16mila sfollati registrati negli ultimi giorni si aggiungono agli oltre 20mila civili che hanno abbandonato i quartieri orientali nelle ultime settimane. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie