Siria: attacchi chimici, 1.500 morti in 5 anni guerra

Rapporto: armi usate 161 volte dall'inizio del conflitto, intervenga l'Onu

Armi chimiche sono state usate almeno 161 volte durante i 5 anni della guerra siriana e hanno causato quasi 1.500 morti. E' quanto rivela un nuovo rapporto della Syrian American Medical Society che chiede al Consiglio di Sicurezza dell'Onu e alla comunità internazionale di identificare rapidamente i responsabili e di incriminarli. Il rapporto dell'organizzazione è finora l'elenco più completo di attacchi con armi chimiche effettuati in Siria.

Il rapporto riferisce inoltre che tali attacchi con armi chimiche sono in aumento e che sono oltre 14.500 persone sono rimaste ferite. Il governo siriano è stato accusato di usare armi chimiche contro il suo popolo anche dopo che nel 2013 il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ordinò l'eliminazione del suo programma. Lo stesso Consiglio, lo scorso anno, ha condannato l'uso di sostanze chimiche tossiche come il cloro. Il regime ha sempre negato le accuse.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA