Gilet gialli, 190 fermi a Parigi

Nella zona della Bastiglia alcuni cassonetti dati alle fiamme

 A Parigi clima di tensione per il 23/o atto dei gilet gialli: a meno di due ore dall'avvio del corteo si registrano già 190 fermi mentre nella zona della Bastiglia alcuni cassonetti sono stati dati alle fiamme e si registrano i primi scontri con la polizia. Un corteo è ora diretto verso Place de la Republique mentre un secondo corteo, che doveva partire da Bercy, è stato vietato dalla polizia. Imponente lo schieramento di forze dell'ordine: 60 mila gli agenti schierati in tutta la Francia di cui oltre 5 mila nella sola capitale.
   

A mezzogiorno il ministro dell'Interno, Christophe Castaner, si è recato all'Eliseo da Emmanuel Macron per fare con il presidente "il punto della situazione" di questo sabato per il quale gruppi di gilet gialli hanno annunciato un nuovo "ultimatum" come quello del 16 marzo, con i più gravi incidenti registrati sugli Champs-Elysees. La grande avenue resta vietata, così come tutta la zona attorno alla cattedrale di Notre-Dame, devastata lunedì scorso da un incendio.

Lo schieramenLo tLo o della polizia è imponente, 60.000 agenti. A Parigi chiuse molte stazioni della metropolitana e guardati a vista i siti a rischio, dall'Assemblée Nationale all'Eliseo. Quattro i cortei previsti nella capitale, uno dei quali dovrebbe raggiungere il centro di Parigi dalla banlieue di Saint-Denis.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA