Ucraina: Zelensky-Poroshenko al ballottaggio

Oltre 2 milioni di osservatori internazionali. Gli aventi diritto al voto sono più di 29 milioni.

Il comico Vladimir Zelensky a valanga con il 30% delle preferenze, seguito dal presidente in carica Petro Poroshenko con il 18%. È la fotografia scattata dagli exit poll alla chiusura dei seggi in Ucraina, che ora dovranno essere confermati dai risultati veri e propri. Yulia Timoshenko, la zarina del gas data al secondo posto dagli ultimi sondaggi pre-voto, si sarebbe invece fermata al 14%, restando così esclusa dal ballottaggio del 21 aprile prossimo. E infatti già annuncia battaglia, contestando l'accuratezza dei dati. Ma il margine di errore delle rilevazioni - fanno sapere gli istituti di ricerca Kantar TNS e Info Sapiens, che hanno curato gli exit poll per il canale '1+1', il network dell'oligarca Igor Kolomoisky per cui lavora proprio Zelensky - sarebbe dello 0,7%. Insomma, a meno di clamorose sorprese, per Timoshenko non ci sarebbe più nulla da fare. D'altra parte anche l'altro exit poll, stilato per i canali 'Newsone' e '112 Ukraine', ha dato risultati analoghi, con scostamenti nell'ordine dello zerovirgola. Dunque sarebbe andata - il condizionale è d'obbligo - come molti analisti avevano previsto. Ora la palla passa agli scrutatori per il laborioso processo della conta dei voti, con la Commissione Elettorale Centrale che ricorda come la legge dia 10 giorni di tempo - ovvero fino al 10 aprile - per la conferma ufficiale dei risultati. "Ma speriamo che questa volta ci voglia meno tempo", ha sottolineato la direttrice della Commissione Natalia Bernatska. Ora il passaggio più delicato è superare lo scoglio delle (probabili) recriminazioni da parte degli esclusi, Timoshenko in testa. La Commissione ha già detto che di violazioni ce ne sono state, ma non gravi, quasi "fisiologiche".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA