84mila gilet gialli, il decimo sabato è senza scontri

Arriva e funziona servizio d'ordine. A Lille tornano le Marianne

 Una mobilitazione ordinata, strutturata e pacifica, con qualche raro episodio di violenza inscenato a fine giornata da sparuti gruppi di casseurs: questo, in sostanza, il bilancio del decimo atto delle proteste dei gilet gialli, a due mesi dall'inizio del movimento il 17 novembre scorso. Secondo i dati diffusi in serata dal ministero dell'Interno, oggi sono stati 84.000 i manifestanti al livello nazionale, di cui 7.000 a Parigi, dati pressoché invariati rispetto alla settimana scorsa. Secondo il primo conteggio realizzato dai gilet gialli, che da ieri hanno una specifica app 'GJ-France', i partecipanti sono stati pochi di più, 86.110. A Lille, qualche settimana dopo la loro apparizione scenografica sugli Champs-Elysées, sono riapparse tra i gilet gialli 'le Marianne': questa volta il piccolo drappello non era a seno nudo ma truccato con falsi lividi e finti ingessature. Come sabato scorso, erano 80.000 gli agenti dispiegati, di cui 5.000 a Parigi. Lo svolgimento pacifico dei cortei - molti, questa volta, erano stati dichiarati alla questura - è nettamente migliorato anche grazie all'introduzione, dalla scorsa settimana, di un vero e proprio servizio d'ordine dei gilet-gialli in coordinamento con la polizia. A quanto si apprende, circa 150 gli 'angeli custodi' volontari, individuabili da una fascetta bianca, hanno vegliato alla sicurezza del principale corteo parigino partito dall'esplanade des Invalides. "Abbiamo visto tanti feriti, in molti erano ormai reticenti a venire. Quindi abbiamo assunto le nostre responsabilità e ci siamo detti che era importante, anche per la nostra sicurezza, evitare che ci fossero infiltrati esterni, che ci manipolano causando ulteriori violenze", ha spiegato uno di loro, Faouzi Lellouche, citato da Europe 1. Tra i tanti volontari in berretto da militari, anche ex combattenti del Donbass, nell'est dell'Ucraina. Incluso Victor Lenta, un ex paracadutista del terzo reggimento di Carcassonne considerato vicino all'estrema destra. Ma gran parte di loro sono "semplici cittadini, gilet gialli come altri", assicurano i manifestanti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA