Francia: Sarkozy indagato per i fondi dalla Libia. Lui nega tutto

Libertà condizionata a ex presidente dopo 25 ore interrogatorio

Nicolas Sarkozy, indagato oggi nell'inchiesta dei presunti finanziamenti libici, è stato posto ''sotto controllo giudiziario'', una misura coercitiva simile alla libertà condizionata, dopo 25 ore di interrogatorio. Secondo il diritto francese questo può comportare restrizioni nei movimenti o un obbligo di informare il giudice sui propri spostamenti, come anche il divieto di andare all'estero o il divieto di contattare o incontrare determinati individui.
Sarkozy, precisa Le Monde, è indagato per corruzione passiva, finanziamento illegale della campagna elettorale e occultamento di fondi pubblici libici.

L'ex presidente francese ha "negato i fatti" che gli vengono contestati: è quanto affermano fonti giudiziarie citate da Bfm-Tv.

Al centro dell'inchiesta sui presunti finanziamenti dell'allora dittatore libico Muammar Gheddafi a Nicolas Sarkozy, ci sarebbero bustarelle per 5 milioni di euro in denaro contante. Dalla pubblicazione, nel maggio 2012, da parte del sito Mediapart, di un documento libico che evocava un presunto finanziamento di Gheddafi alla campagna presidenziale di Sarkozy, le indagini dei magistrati sono "molto progredite, rafforzando i sospetti che pesano sulla campagna dell'ex capo dello Stato", scrive Le Monde. Nel novembre 2016, durante le primarie dei Républicains, il faccendiere Ziad Takieddine dichiarò di aver trasportato 5 milioni di euro in contanti da Tripoli a Parigi tra fine 2006 e inizio 2007 prima di consegnarli a Claude Guéant, tra i fedelissimi dell'ex presidente, poi allo stesso Sarkozy. Fonti vicine al dossier parlano di "indizi gravi e concordanti". Tra l'altro, la testimonianza di Takieddine risultò in linea con quella dell'ex direttore dell'intelligence militare libica, Abdallah Senoussi, il 20 settembre 2012, dinanzi alla procura generale del consiglio nazionale di transizione libico.

"Sono incerta sul caso di Nicolas Sarkozy. Vorrei dire solo questo: nonostante delle condizioni difficili, la giustizia progredisce. Il mio pensiero va ai milioni di cittadini che hanno diritto di sapere se la partita era ad armi pari...#Repubblica #Giustoordine #2007", ha scritto in un tweet l'ex candidata socialista alle presidenziali del 2007, Segolène Royal, commentando la vicenda. La Royal venne sconfitta nel ballottaggio presidenziale da Sarkozy, che ottenne il 53,6% delle preferenze contro il 46,94% della sfidante socialista

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA