Oltre 1000 migranti nel gelo di Belgrado

In fila al freddo per poter mangiare. Nei Balcani e in Grecia situazione insostenibile

Il commissariato serbo per l'assistenza ai profughi ha rinnovato l'appello ai migranti che restano accampati al gelo a Belgrado e nel resto della Serbia ad accettare la sistemazione nei centri di accoglienza dove, ha sottolineato, c'è posto per tutti e nei centri vengono garantiti un posto al caldo, tre pasti al giorno e assistenza medica. A Belgrado, secondo il commissariato, sono ancora oltre mille i migranti e profughi che bivaccano praticamente all'aperto e al gelo nella zona della stazione degli autobus, a ridosso del centro della capitale, accampati in locali e magazzini abbandonati, parcheggi coperti e tende malmesse.
Gran parte di loro non accetta di andare nei centri di accoglienza per timore di essere registrati e trasferiti a sud al confine con Macedonia e Bulgaria, e di essere quindi poi rimandati nei Paesi di provenienza. In soccorso dei migranti che ancora resistono al freddo a Belgrado sono mobilitate ong e organizzazioni umanitarie internazionali.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA