Brennero, black bloc e anarchici attaccano le forze di polizia

Giornata campale, 4 agenti feriti, 5 manifestanti arrestati

Si temevano disordini e i disordini ci sono stati. Il corteo organizzato al valico del Brennero dai circoli anarchici trentini e dai black bloc si è trasformato quasi in una battaglia campale, svoltasi a quota 1.300, là dove nella vallata passano la linea ferroviaria internazionale del Brennero e l'autostrada che poi portano in territorio austriaco. Le prime avvisaglia si erano avute già nei giorni scorsi quando sul web era circolato un volantino che ritraeva un black bloc con una mazza in mano, accanto allo slogan "no borders".

La giornata si è conclusa con 5 manifestanti arrestati - tre maschi e due donne, tutti cittadini italiani - 4 feriti e 18 contusi tra le forze dell'ordine. A loro ha espresso vicinanza il ministro dell'Interno Angelino Alfano che è stato in costante collegamento con il capo della polizia Alessandro Pansa per monitorare quanto accaduto oggi al Brennero. Da parte sua il capo della Polizia ha ringraziato gli uomini delle forze dell'ordine per l'impegno e la professionalità dimostrate nel fronteggiare la situazione. I disordini del Brennero hanno preso il via verso le tre del pomeriggio quando i manifestanti giunti in treno da varie località italiane e che attendevano alla stazione ferroviaria sono stati raggiunti dai loro compagni che venivano da nord, dall'Austria in particolare ma anche dalla Germania. Anarchici e black bloc sono usciti in 500 dalla stazione vestiti di nero e con il volto coperto da fazzoletti neri. Ad attenderli una selva di telecamere e di cronisti, che sono subito stati oggetto di slogan contro la stampa. I manifestanti hanno anche cercato di aggredire alcuni cineoperatori che svolgevano il loro lavoro lungo le strade. Sono intervenuti i poliziotti che li hanno respinti con i manganelli. Il corteo è poi stato raggiunto da altri manifestanti, giunti al Brennero con le loro automobili. Ma, anziché recarsi oltre il confine con l'Austria dove ad attenderli c'erano 700 gendarmi in assetto antisommossa, hanno preferito ingaggiare con le loro provocazioni poliziotti, carabinieri, agenti della guardia di finanza che presidiavano l'area.

Ad un certo punto un gruppo di manifestanti ha abbattuto una recinzione, invadendo la sede ferroviaria e, contemporaneamente, lanciando grossi sassi ed altri oggetti, oltre che bengala e botti contro le forze dell'ordine. Il corteo si è poi diviso in due parti, con metà dei manifestanti che hanno invaso la linea ferroviaria e l'altra metà che ha raggiunto l'autostrada. Per un po' di tempo il traffico su entrambe le arterie è rimasto bloccato. Le forze dell'ordine sono poi però riuscite poi ad accerchiare i manifestanti disperdendone gran parte e bloccando quanti erano rimasti lungo la statale del Brennero a sud del confine. Qui c'è stato l'ultimo lancio di sassate dei dimostranti e le forze dell'ordine hanno messo in campo anche un grosso idrante che ha convinto gli ultimi black bloc a disperdersi. Solidarietà alle forze dell'ordine è stata espressa da vari esponenti politici, in particolare, dal leader della Lega, Matteo Salvini, da Emanuele Fiano, responsabile sicurezza del Pd, da Maurizio Gasparri e Mara Carfagna (FI), da Raffaele Fitto (Consevatori e Riformisti) e dal governatore della Liguria, Giovanni Toti. Per il segretario del Silp Cgil, Daniele Tissone, "le azioni di vera e propria guerriglia urbana nulla hanno a che vedere con chi si batte per l'eguaglianza, l'accoglienza o la solidarietà e, per questo, sono totalmente inaccettabili". Severa condanna da parte del presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher: "proprio perché il diritto alla libertà di espressione è un bene inestimabile della nostra società democratica, coloro che oggi al Brennero hanno provocato gli scontri sono da perseguire e punire con tutti i mezzi a disposizione dello stato di diritto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA