Colonia: procura, salgono a 653 denunce San Silvestro

Già cento più di ieri. 12 indagati per furti

Sarà aumentata fino a 10.000 euro la ricompensa per chi fornirà agli investigatori indizi utili a rintracciare gli autori delle violenze e dei furti alle donne di Colonia nella notte di Capodanno. È una delle misure annunciate dalla presidente del Land Nordreno-Vestfalia, Hannelore Kraft (Spd), nell'intervento alla seduta straordinaria del consiglio regionale a Duesseldorf. Kraft aveva parlato di un aumento della ricompensa, l'esatta entità della somma è stata rivelata dalla procura di Colonia

Sono ormai 653 le denunce di aggressioni subite a Colonia nella notte di San Silvestro: cento in più rispetto ai dati divulgati ieri sera. Lo ha comunicato il procuratore generale di Colonia. La procura locale indaga su 12 sospetti, accusati però di furti e reati contro il patrimonio, e non di molestie sessuali.

Le violenze sarebbero state organizzate. "Gli attacchi di San Silvestro erano organizzati". Lo dice il capo del Bundeskriminalamt (l'anticrimine federale), Holger Muench, al Rbb Inforadio. "È chiaro che gli aggressori sono arrivati da più regioni, a Colonia come in altre città. Normalmente una cosa del genere viene organizzata sui social network". Il capo dell'anticrimine federale in Germania, Holger Muench, esclude che gli attacchi di San Silvestro siano collegati alla gestione della criminalità organizzata: i fatti avvenuti, per lui, hanno un'altra qualità. "Stiamo parlando di gruppi chiusi, non vediamo una gerarchia fra i gruppi in questo caso", ha spiegato. Ma è chiaro, ha aggiunto, che gli aggressori abbiano comunicato e si siano dati appuntamento. 

Intanto per le violenze di Colonia la polizia locale indaga su 19 sospetti: 10 sono richiedenti asilo, 9 sono presunti clandestini. È quello che emerge dal rapporto del ministro della Westfalia Ralf Jaeger. Nessuno dei sospettati è di cittadinanza tedesca. Quattro, già in stato di fermo, sono accusati di furto. Dal rapporto non emerge di quali reati siano accusati gli altri.

Intanto i ministri dell'Interno Thomas De Maiziere (Cdu) e il ministro della Giustizia Heiko Maas (socialdemocratico) hanno annunciato in uno statement congiunto che c'è l'accordo a Berlino per l'inasprimento delle leggi sul diritto d'asilo. Di fronte ad atti criminali si pagheranno delle conseguenze, hanno spiegato i ministri. Nel caso di delitti contro la vita, contro l'autodeterminazione sessuale, lesioni corporali, attacchi alla polizia e ai beni, che comportino pene almeno un anno di carcere gli stranieri potranno essere espulsi dalla Germania, ha sottolineato de Maiziere. L'espulsione sarà possibile anche nel caso di reati che comportino una pena di durata inferiore.

Ieri un gruppo di hooligan, rocker e buttafuori avrebbe lanciato una "caccia all'uomo nel centro storico di Colonia", come reazione alle violenze subite dalle donne a San Silvestro. L'iniziativa, di cui riferisce il Koelner Express, sarebbe nata su Facebook. La polizia sta indagando su eventuali collegamenti con attacchi avvenuti ieri sera.

Berlino, nulla giustifica ostilità contro musulmani - Nulla giustifica quello che è stato riferito dal presidente del Consiglio centrale dei musulmani tedeschi: lo ha detto il portavoce di Angela Merkel Steffen Seibert, rispondendo ad una domanda sulla denuncia fatta dal presidente dei musulmani tedeschi sull'ondata d'odio che sta colpendo i musulmani in Germania dopo le violenze di Colonia. "Bisogna assolutamente evitare che adesso vi sia un sospetto generale che colpisce i profughi in Germania", ha aggiunto il portavoce del ministero dell'Interno. Seibert ha sottolineato che bisognerà verificare la possibilità di misure giuridiche e politiche "a tutela della popolazione", ma anche continuare a garantire protezione alla "grande maggioranza dei rifugiati incolpevoli" che hanno diritto d'asilo

Intanto salgono a 516 le denunce a Colonia per le aggressioni della notte di San Silvestro. Lo ha comunicato la polizia locale. Nel 40% dei casi si tratta di molestie sessuali.

Colonia blindata, antirazzisti contro ultradestra Pegida. Polizia usa idranti. Merkel, espulsione per chi commette reati

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA