Il ricordo di Riccardo Ehrman

Il corrispondente ANSA fece la storica domanda che provocò il crollo del muro di Berlino

''È lui, è lui l'uomo della domanda!'', disse qualcuno riconoscendolo nella Friedrichstrasse, il 9 novembre del 1989. Riccardo Ehrman, corrispondente dell'ANSA di Berlino, pose la domanda che fece cadere il Muro. E i tedeschi orientali accorsi in massa alla frontiera, per passare finalmente all'ovest dalla 'porta principale', lo riconobbero, dopo averlo visto in tv e lo portarono in trionfo. ''Una cosa che in effetti non capita a molti giornalisti'', dice Ehrman 25 anni dopo, rievocando uno di quei momenti straordinari, in cui la cronaca diventa storia.

Il giornalista italiano che, arrivato in ritardo alla conferenza stampa, pose la domanda decisiva sulle nuove norme di viaggio dalla Ddr a Guenter Schabowski, portavoce del governo della DDR, oggi vive a Madrid. E ricostruisce quella giornata parlando all'ANSA, agenzia per la quale lavorava, vivendo a due passi da Alexander Platz. In un appartamento di Stato pieno di microspie: ''Ce ne era una perfino nel bagno, due in camera da letto''. Il merito di Ehrman non fu soltanto quello di aver posto la domanda, ma anche il fatto di aver capito subito cosa la risposta del portavoce implicava: ''Per me fu fulminante, mi fu subito chiaro che quelle nebulose parole significassero la caduta del Muro. I colleghi tedeschi non compresero immediatamente la portata dell'annuncio del portavoce invece. Lui aveva parlato di facilitazioni di viaggio. E tutti i giornalisti presenti hanno scritto questo, non cosa significava''. Ehrman non ebbe dubbi: ''Il muro nel 1961 era stato costruito proprio per impedire che i tedeschi orientali potessero andare in occidente, il fatto che potessero, senza passaporto o visto, passare dall'altra parte, per me significò chiaramente che era crollato''. Celebre è quel ''ab wann?'', la richiesta del corrispondente che voleva sapere da quando la legge entrasse in vigore. "Da subito", fu la risposta.

''Ma la prima domanda fu più complicata. 'Signor Schabowski, dissi, non crede che avete commesso degli errori nel formulare la precedente legge di viaggio?' Lui rispose precipitosamente: 'noi non facciamo errori'. Io però l'ho rivisto qualche anno fa a Berlino, e mi ha dato un libro che aveva scritto dal titolo:''Wir haben fast alles falsch gemacht''. E cioè ''Abbiamo sbagliato quasi tutto''. 'Questa è la risposta alla tua domanda', mi disse'''. Di domande però ce ne vollero tre: ''Vale anche per Berlino ovest?'', chiese Ehrman alla famosa conferenza stampa. Alla risposta positiva, la notizia era chiara. Qualcuno ha però sostenuto che il corrispondente dell'ANSA avesse avuto un suggerimento: ''Lo nego - è la replica -. I giornali tedeschi hanno detto che io sarei stato strumento dei comunisti, facendo la domanda, ma non è così. E a rigor di logica non è pensabile che, per un annuncio di tale importanza, fosse necessaria una domanda ammaestrata. È vero che ho ricevuto molte telefonate in quei giorni. Il ministro della Cultura Klaus Gysi mi aveva detto già settimane prima che Honecker stava per essere defenestrato. 'Mi permetti di dire che me lo dici tu?', chiesi. Lui rispose di no, e non potetti scriverlo''.

Anche il giorno della conferenza stampa le telefonate erano state ''diverse'': ''Mi dicevano che sarebbe stata importante, anche dal ministero degli Esteri. Ma io sono convinto che nessuno dei tedeschi orientali sapesse cosa stava per succedere. Lo stesso Schabowski non aveva capito come stessero le cose''. L'incertezza era grande anche per i membri della Sed: ''Schabowski non aveva letto il foglietto che gli aveva passato Egon Krenz (numero uno del partito e il successore di Honecker) prima dell'incontro coi giornalisti, dove si spiegavano le facilitazioni''. ''E quando gli chiesi 'da quando?' rimase spiazzato e disse 'da subito'''. ''Non va dimenticato che questi erano 'pupazzi', i veri capi erano a Mosca''.

E la fine del Muro, per Ehrman, fu decisa lì: ''Credo che tutto sia partito da Gorbaciov. C'è un retroscena non ancora scritto: Honecker, stalinista irriducibile, stava preparandosi a invadere la Polonia per eliminare Lech Walesa, e fu a questo punto che Schabowski si mise in coalizione con gli altri per estrometterlo. Avrebbe dovuto essere lui il successore, ma vinse Krenz, più senior di lui''. Ben sei giornalisti scrissero di aver posto la celeberrima domanda del 9 novembre 1989, e un collega tedesco ''insiste di averla fatta lui''. La conferenza stampa, trasmessa in tv, ''ha dimostrato il contrario'' spiega Ehrman, insignito della Bundesverdienstkreuz dalla Germania federale. Non l'unico riconoscimento: Helmut Kohl gli disse una volta ''noi due abbiamo fatto qualcosa per la Riunificazione''.

E memorabili sono le congratulazioni ricevute da Willy Brandt: ''Kurze Frage, enorme Wirkung''. ''Domanda breve, effetto enorme''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA