Papa Francesco in Sri Lanka: si esce da conflitti dando voce a tutti

Viaggio in Asia del pontefice, l'accoglienza cingalese con balli tradizionali e doni

Calorosa accoglienza in Sri Lanka per Papa Francesco: sceso dall'aereo speciale dell'Alitalia con le insegne del Vaticano, un bambino ed una bambina gli hanno offerto una ghirlanda di fiori bianchi e gialli mentre un coro ha intonato motivi religiosi. Contemporaneamente danzatori si sono esibiti in balli tradizionali locali. Ad accoglierlo sulla pista dell'aeroporto, insieme alle massime autorità politiche e religiose cingalesi, anche un corpo d'onore delle forze armate dello Sri Lanka. Il corteo papale, preceduto da motociclisti, si è quindi diretto verso il centro di Colombo dove lo attendevano migliaia di persone.

Ventuno salve di cannone, cori di ragazze in azzurro, gruppi di bimbe in divisa bianca, giovanotti in abiti folcloristici bianchi e rossi che issano scudi, e persino 40 elefanti, di cui i primi due fungono da "porta" attraverso la quale è passato in papamobile scoperta un Bergoglio sorridente e un po' stupito.

Dare "voce a tutti" e imparare ad "accettarsi" reciprocamente, vivendo "come un'unica famiglia": queste le speranze di papa Francesco per lo Sri Lanka. "La mia visita - ha detto papa Bergoglio all'aeroporto di Colombo - vuole esprimere l'amore e la preoccupazione per tutti gli srilankesi e confermare il desiderio della comunità cattolica di essere attivamente partecipe della vita di questa società. E' una costante tragedia del nostro mondo che molte comunità siano in guerra tra di loro".

"Sono convinto - ha proseguito papa Francesco - che i seguaci della varie tradizioni religiose hanno un ruolo essenziale da giocare nel delicato processo di riconciliazione e di ricostruzione che è in corso in questo paese. Perché tale processo avvenga bisogna che tutti i membri della società lavorino assieme, che tutti abbiano voce. Tutti devono essere liberi di esprimere le proprie preoccupazioni, i propri bisogni, le proprie aspirazioni e le proprie paure. Ma soprattutto devono essere pronti ad accettarsi l'un l'altro, a rispettare le legittime diversità e a imparare a vivere come un'unica famiglia. Ogni volta che le persone si ascoltano tra loro umilmente e apertamente, possono emergere i valori e le aspirazioni comuni. La diversità non sarà più vista come una minaccia, ma come fonte di arricchimento, la strada verso la giustizia, la riconciliazione e l'armonia sociale appare ancora più chiaramente".

"In questo senso - ha suggerito il Pontefice - la grande opera di ricostruzione deve comprendere il miglioramento delle infrastrutture e provvedere ai bisogni materiali ma anche, e soprattutto, promuovere la dignità umana, il rispetto dei diritti dell'uomo e la piena inclusione di ogni membro della società. Formulo voti che i dirigenti politici, religiosi e culturali dello Sri Lanka, misurando ogni parola sul bene e sul risanamento che ne verrà, diano un contributo duraturo al progresso materiale e spirituale del popolo dello Sri Lanka". Le prime divisioni tra tamil e cingalesi nello Sri Lanka in epoca contemporanea risalgono al 1956, quando la maggioranza cingalese impose la propria lingua provocando tra l'altro l'espulsione dei tamil dagli incarichi pubblici. La minoranza fu costretta a rifugiarsi in alcune province del Nord e dell'Est, e durante vari decenni subì una serie di discriminazioni, fino, nel 1983, all'assassinio di circa centomila tamil. Nacque poi la formazione terrorista delle tigri tamil e il paese precipitò in un conflitto, che nell'ultima fase fu particolarmente cruento. Nel 2009 il governo intervenne militarmente nelle province tamil, da allora la guerra è finita ma la pace è lontana. Human Wright Watch ha denunciato stupri dell'esercito su donne e bambini, violazione dei diritti degli abitanti, e continua la campagna del governo per facilitare l'insediamento dei cingalesi nelle zone tamil. La Chiesa cattolica, composta da srilankesi sia di etnia tamil che cingalese, è impegnata nell'opera di pacificazione.

Poi un cambio di programma: Francesco non si è recato all'arcivescovado dove avrebbe dovuto incontrare privatamente i vescovi dello Sri Lanka. L'entourage papale spiega che si era accumulato troppo ritardo, dopo la cerimonia di benvenuto in aeroporto e la messa che il Pontefice ha celebrato in nunziatura. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA