Libia, Italia ci aiuti ma no ai peacekeeper

Ambasciatore designato da Tobruk, sostegno tecnico e politico

"L'Italia ci aiuti a rafforzare il potere legittimo del Parlamento eletto e a stabilizzare la sicurezza. Ma il popolo libico non accetterebbe la presenza di peacekeeper stranieri". Lo ha detto all'ANSA, Ezzedin al Awami, ex vicepresidente del Congresso nazionale, designato dal premier Abdullah al Thani prossimo ambasciatore a Roma.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA