Siria, nuova tregua di 150 ore per evacuazione curdi

I curdi annunciano il ritiro totale dalla safe zone

Turchia e Russia hanno concluso un "accordo storico" per una nuova tregua di 150 ore nel nord della Siria per completare l'evacuazione delle milizie curde Ypg da un'area di 30 km entro il confine siriano. Lo ha annunciato a Sochi il presidente turco Recep Tayyip Erdogan al termine del suo incontro con Vladimir Putin. Turchia e Russia - indica il memorandum d'intesa  - condurranno pattugliamenti congiunti fino a 10 km entro il territorio siriano oltre il confine turco, a est e ovest dell'area in cui è stata condotta l'operazione turca nel nord della Siria. È esclusa Qamishli, principale centro curdo nell'area. 

Le forze curdo-siriane, intanto, si sono ritirate dalla zona di sicurezza nel nord-est del paese come richiesto dall'accordo turco-americano. Lo riferiscono media siriani e panarabi che citano fonti militari curde e statunitensi. Le forze curde hanno informato quelle americane di aver ritirato le loro truppe dalla zona frontaliera.  Il ritiro dalla zona di sicurezza turca sarebbe stato riferito con una comunicazione scritta dal comandante delle Forze democratiche siriane a guida curda, Mazlum Abdi Kobani, al vicepresidente Usa Mike Pence, che cinque giorni fa aveva negoziato la tregua ad Ankara con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA