• Brexit: 'libera circolazione cittadini Ue finirà il 31/10'

Brexit: 'libera circolazione cittadini Ue finirà il 31/10'

Lo paventa la ministra dell'Interno Patel in caso di no deal

La ministra dell'Interno britannica Priti Patel intende imporre uno stop immediato alla libera circolazione dei cittadini dell'Ue già dal 31 ottobre, se non ci sarà un accordo con Bruxelles. Lo scrivono diversi quotidiani britannici.
    Patel, riferiscono i giornali, attuerebbe il provvedimento come 'legislazione secondaria', ovvero un atto che non ha bisogno del passaggio parlamentare. Secondo il Telegraph, funzionari britannici sono intanto andati a Singapore "per capire come funziona un efficiente sistema informatico applicato all'immigrazione".
    Immediate le critiche dei Liberaldemocratici. Il portavoce per gli affari interni Ed Davey ha bollato l'idea come "completamente lontana dalla realtà, un nuovo capitolo nella saga interminabile del disastro che stanno facendo con la Brexit. Che farebbero i cittadini europei che vivono in Gb, magari partiti per un viaggio, quando tentano di tornare?".
    Critiche anche dal gruppo 3Million Campaign, che difende i diritti dei cittadini Ue nel Regno Unito: "Non c'è un sistema pronto. E' una mossa politica, ma avrà un forte impatto sulla vita delle persone. Aprirà la porta alla discriminazione: che distinzione faranno tra quelli che sono già qui e quelli che arriveranno dopo?".
    Sulla vicenda è intervenuta anche una portavoce di Downing Street, che sottolinea come "l'attuale libertà di movimento finirà il 31 ottobre, quando il Regno Unito lascerà l'Ue. Per esempio, introdurremo immediatamente norme sulla criminalità molto più severe per chi entra nel Regno. Altri dettagli sono in via di definizione. Il primo ministro è stato chiaro, vogliamo un sistema di immigrazione a punti simile a quello australiano".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA