Migranti: Frontex, numeri più bassi in Italia dal 2012

Nel 2018 in tutto sono arrivate 23.300 persone. -87% partenze da Libia. La rotta verso la Spagna la più attiva nell'Ue

 "Nel 2018 la rotta del Mediterraneo centrale" verso l'Italia "ha visto il numero più basso di migranti arrivati dal 2012. Il numero di partenze dalla Libia è diminuito dell'87% rispetto al 2017, e quelle dall'Algeria sono calate di circa la metà. Le partenze dalla Tunisia sono rimaste più o meno immutate. Su questa rotta, in totale, sono arrivati 23.300 migranti. Gli ingressi per l'intera Ue, per il 2018, sono stati 150.114". Lo rende noto l'agenzia europea Frontex. "Sulla rotta del Mediterraneo orientale, il numero di arrivi in Spagna, nel 2018 si è raddoppiato per il secondo anno consecutivo, salendo a 57 mila. La rotta diventa così la più attiva verso l'Europa per la prima volta da quando Frontex ha iniziato a raccogliere dati. Il Marocco è diventato il principale Paese di partenza".
   Con l'Italia abbiamo una cooperazione molto buona. E l'operazione Themis non ha affrontato difficoltà nell'attuazione della sua attività". Così il direttore esecutivo dell'agenzia Ue Frontex a chi chiede se la decisione di chiudere i porti del vicepremier Matteo Salvini abbia presentato difficoltà per l'operazione in atto nel Mediterraneo centrale. Leggeri ha inoltre sottolineato la "buona collaborazione" anche in termini di rimpatri. L'Italia ha "usufruito di 73 voli" dei 345 organizzati dall'agenzia.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA