Assange rigetta l'accordo per lasciare l'ambasciata

Avvocato e Wikileaks non credono alle garanzie evocate dall'Ecuador

Julian Assange non ha alcuna intenzione di accettare l'accordo evocato dal presidente dell'Ecuador, Lenin Moreno, in base al quale il fondatore di Wikileaks potrebbe lasciare l'ambasciata di Quito a Londra, dove vive da rifugiato dal 2012, con la presunta garanzia delle autorità britanniche di non estradarlo in Paesi dove potrebbe rischiare la pena di morte. Lo rendono noto Wikileaks e uno dei legali del giornalista e attivista australiano, Barry Pollock, liquidando le parole di Moreno come una "manovra diversiva".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA