Putin 'camionista' inaugura ponte in Crimea. Kiev perquisisce i media russi

Servizi di sicurezza ucraina,'scoperta rete guerra ibrida russa'

Il presidente russo Vladimir Putin ha inaugurato il controverso ponte sullo stretto di Kerch, in Crimea, guidando personalmente un camion 'Kamaz'. Il ponte è stato completato con sei mesi di anticipo rispetto al cronogramma anche se, per la parte dedicata al traffico ferroviario, bisognerà attendere un altro anno. Putin ha guidato un corteo di 36 camion pesanti 'Kamaz', che hanno raggiunto la velocità massima consentita di 40 chilometri orari. Il ponte aprirà al traffico veicolare pubblico domani. "Tutto il Paese ha contribuito alla costruzione di questa opera", ha detto Putin nel corso della cerimonia sottolineando che sono state utilizzate unicamente tecnologie russe. 

Lo stesso giorno, i servizi di sicurezza ucraini (Sbu) hanno condotto una serie di perquisizioni presso le redazioni dell'agenzia di stato russa Ria Novosti e dell'emittente legata al Cremlino Russia Today a Kiev.

Il Cremlino ha definito l'operazione dei servizi ucraini "un oltraggio", chiedendo una "dura condanna da parte delle organizzazioni internazionali", ha detto il portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov, citato dalla Tass. Mosca, ha aggiunto, risponderà "in modo speculare" ma prima si renderà necessario acquisire "maggiori informazioni". Lo riporta la Tass.

Kiev ha accusato lo staff dell'agenzia di stampa 'Ria Novosti Ucraina' di alto tradimento. Lo ha dichiarato il procuratore generale ucraino Yuri Lutsenko. "Gli investigatori hanno prove che dimostrano che questa agenzia ha ricevuto denaro per intraprendere una guerra di disinformazione contro l'Ucraina, che ha coinvolto cittadini ucraini che hanno anche ottenuto la cittadinanza russa", ha scritto su Facebook, chiarendo che questo può essere considerato "alto tradimento" dal codice penale ucraino. Lo riporta la Tass.

Stando a quanto detto da Ria, un giornalista dell'agenzia, Kirill Vyshinsky, è stato fermato nei pressi della sua abitazione. I siti dei due media non vengono aggiornati e i telefoni sono stati bloccati. L'Sbu ha emesso un comunicato in cui rivela che è stata scoperta "una rete di media russi usati da Mosca per la sua guerra ibrida". "Kiev ha deciso di vendicarsi per l'inaugurazione del ponte sullo stretto di Kerch in Crimea, hanno fatto irruzione nei nostri uffici, i collaboratori non sono raggiungibili e il sito non viene aggiornato", ha commentato su Twitter la direttrice di Rt Margherita Simonyan.

"Kiev ha deciso di vendicarsi per l'inaugurazione del ponte sullo stretto di Kerch in Crimea, hanno fatto irruzione nei nostri uffici, i collaboratori non sono raggiungibili e il sito non viene aggiornato", ha commentato su Twitter la direttrice di Rt, Margherita Simonyan. Rt e Ria Novosti fanno parte della stessa holding, 'Russiya Sigodnya' (Russia Oggi). Simonyan ha poi detto di aver avuto una breve conversazione con l'avvocato che assiste Vyshinsky. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA