La cellula dei giovani terroristi

Volevano compiere un'ecatombe, piano cambiato all'ultimo minuto

Terroristi ragazzini, esplosivo e un camion-bomba: erano questi gli 'ingredienti' del jihad per compiere un'ecatombe in Spagna. Un piano saltato, dirottato su un attacco "più rudimentale". Mercoledì in tarda serata un boato scuote la cittadina di Alcanar, un centinaio di chilometri a sud di Barcellona: una persona muore e altre sette rimangono ferite. Gli agenti intervengono e pensano a una fuga di gas. Passano le ore e la Spagna viene messa a ferro e fuoco da una cellula che l'Isis rivendica come propria, a Barcellona e Cambrils.

Gli inquirenti al lavoro tra le macerie della palazzina di Alcanar, devastata dall'esplosione, scovano propano e butano e altro materiale utile per costruire una bomba artigianale. E' qui, secondo l'intelligence, che il gruppo ha pianificato "per diverso tempo" gli attentati. Ma l'esplosione, e non solo, li costringerà a cambiare piani. Il gruppo di fuoco è composto da minorenni e ventenni, li hanno subito ribattezzati baby-terroristi. Uno di loro, Moussa Oukabir, ha solo 17 anni, e ruba i documenti al fratello Driss per affittare due, forse tre furgoni.

La vicenda è emersa, dopo che era scattata la caccia a Driss, i cui documenti sono stati rinvenuti nel furgone utilizzato a Barcellona. Il giovane si è presentato in tarda serata in commissariato, non è chiaro perché non abbia denunciato prima il furto. Secondo gli 007 statunitensi, la decisione di utilizzare un furgone è un "passo indietro" rispetto all'attentato pianificato. L'obiettivo era quello di affittare un camion, sul modello dell'attacco a Nizza, e caricarlo di esplosivo.

Ma per affittare un camion occorre una patente speciale che il gruppo non ha. Inoltre, quando scatta l'ora x degli attacchi, l'esplosivo non c'è più, è stato distrutto ad Alcanar. I giovani decidono di agire, ma anche le cinture esplosive indossate dal gruppo di fuoco di Cambrils si rivelano innocue, 'non armate'. Si è apreso inoltre  che olevano prendere a nolo un furgone di grandi dimensioni, probabilmente per rendere più devastanti gli effetti dell'attentato, due dei terroristi responsabili della strage: il mezzo però è stato loro rifiutato, perché troppo giovani e con pochi anni di patente di guida alle spalle. I due hanno così dovuto ripiegare su due mezzi più piccoli.  La mattina di mercoledì 16 agosto due giovani identificati come Mohamed Hychami e Youness Abouyaaqoub si presentano presso un'agenzia di autonoleggio di Santa Perpetua de Mogoda e chiedono di affittare un furgone di grandi dimensioni, il più grande a disposizione. Il nolo non va però a buon fine a causa della giovane età dei ragazzi e dei pochi anni di patente. I due, allora, affittano non uno ma due furgoni più piccoli, entrambi Fiato modello Toledo, bianchi. Uno di questi viene ritirato la mattina stessa da Mohamed Hychami e Youness Abouyaaqoub: verrà ritrovato parcheggiato nella località di Vic. L'altro, noleggiato ufficialmente a nome di Youness e di Driss Oukabir (il giovane arrestato e che ha denunciato il furto dei suoi documenti, fratello di Moussa, ritenuto il capo del commando) viene prelevato alle 16 ed è il mezzo utilizzato per l'attentato sulle Ramblas.

I due fratelli Oukabir, entrambi di origini marocchine, hanno vissuto per molti anni a Ripoll: Moussa amava il calcio, "nessuno dei due ha mai dato problemi", racconta il sindaco della cittadina che conta 11.000 anime ma si staglia in una zona considerata "ad alta radicalizzazione". Il profilo Facebook di Moussa contrasta con quello del fratello, un 28enne amante della musica, delle spiagge, che non ha mai pubblicato post di odio o estremisti. E anzi è arrivato in Italia nel 2014 per un incontro galante con una ragazza.

Moussa è solidale con la Siria, pubblica anche la foto di un uomo con casco a bordo di una moto e armato con un fucile. Su Twitter non manca di lanciare strali contro gli infedeli, che lui, dice, "ucciderebbe". Ma è troppo giovane per finire nelle maglie dell'antiterrorismo. Secondo le ultime informazioni sarebbe rimasto ucciso a Cambrils insieme ad altri quattro terroristi. Se fosse stato catturato, per il massacro di Barcellona avrebbe rischiato una pena massima di 10 anni, da scontare in un centro minorile. Insomma, forse il killer perfetto, lui e i suoi amici, pronti a essere sacrificati da un Isis oramai allo sbando e sconfitto militarmente in Medio Oriente

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA