Helmut Kohl, l'inchino dell'Europa: 'Dire no ai muri'

Berlusconi, Prodi, Alfano tra gli italiani giunti a Strasburgo

Ultimo saluto a Helmut Kohl al Parlamento europeo di Strasburgo, dove si sono celebrati le esequie dell'ex cancelliere tedesco, i primi funerali di Stato mai organizzati dall'Unione Europea.

Il suo esempio "ci deve guidare per il futuro, dobbiamo scegliere la speranza e mettere da parte la paura, è proprio questo che ci chiedono i nostri cittadini", ha detto il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, nella sua orazione funebre per l'ex cancelliere tedesco. "Dobbiamo lavorare insieme per rilanciare l'ideale europeo - ha affermato - l'Europa deve alzare la testa".

Ricordando Kohl il presidente dell'eurocamera ha sottolineato che "merita un posto d'onore nel Pantheon europeo", perché "non vi è pagina dell'integrazione europea che non abbia l'impronta del suo coraggio". "Ha difeso sempre la libertà contro i muri, le cortine di ferro, i totalitarismi - ha detto ancora - .Per lui la riunificazione significava non un'Europa più tedesca ma una Germania più europea". 

LA COMMEMORAZIONE 

 

L'ex presidente degli Usa Bill Clinton ha elogiato la lezione di Helmut Kohl "in un momento in cui in tutto il mondo c'è l'ascesa di una politica identitaria". Kohl, ha detto Clinton durante la cerimonia funebre a Strasburgo, "pensava che in un mondo interconnesso in cui i confini sono più reti che muri è importante trovare terreni comuni. Lui adorava essere tedesco ma era consapevole che i cancri del '900 sono tutti nati da persone che pensavano che il dominio fosse meglio della cooperazione".

La bara di Kohl è arrivata questa mattina presto dalla sua casa di Ludwigshafen, in Germania, coperta soltanto con una bandiera europea ed è stata messa in una camera ardente dove gli ospiti in arrivo al Parlamento si fermano per un omaggio e un momento di raccoglimento. Da lì sarà trasportata nell'emiciclo, dove solitamente si riuniscono gli eurodeputati in seduta plenaria, per la cerimonia funebre e i discorsi ufficiali. I leader e gli ospiti hanno già iniziato ad arrivare al Parlamento, accolti dal presidente dell'eurocamera Antonio Tajani. Sono già entrati tra gli altri il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Per l'Italia sono arrivati gli ex premier Silvio Berlusconi e Romano Prodi e il ministro degli Esteri Angelino Alfano.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA