Brexit, la Camera dei Lord: 'Garantire i diritti ai cittadini Ue'

Governo battuto, passato emendamento con 358 voti a favore

Il governo britannico è stato battuto per la prima volta nel dibattito parlamentare sulla Brexit: la Camera dei Lord ha approvato un emendamento, con 358 voti a favore e 256 contrari, che chiede siano garantiti i diritti dei cittadini europei residenti nel Regno Unito. Lo riferisce la Bbc. Il testo ora deve tornare ai Comuni, a cui spetta l'ultima parola.Il testo della legge consente al premier Theresa May di notificare l'articolo 50 del Trattato di Lisbona e iniziare i negoziati con Bruxelles. L'emendamento approvato dai Lord chiede tuttavia al governo di introdurre le misure proposte entro 3 mesi dall'avvio della procedura per assicurare gli stessi diritti di cittadinanza in Gb ai cittadini Ue. Il governo assicura di voler tenere questa linea ma insiste sul fatto che prima si debbano avviare i negoziati. La Camera dei Comuni ha già approvato il testo rigettando l'emendamento, quindi il voto dei Lord potrebbe essere ribaltato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA