Francia: Fn non sfonda, in crisi strategia di Marine Le Pen

Vertice partito. Per analisti è "sindrome del soffitto di vetro"

 Sale, cresce, si arrampica, ma alla fine sbatte sempre contro un soffitto di vetro: questa la "sindrome" che affligge il Front National, l'estrema destra francese di Marine Le Pen, che mentre cresce in numero di voti ad ogni elezione, resta marginale nella politica nazionale perché sempre perdente nei ballottaggi.
    I vertici del partito si riuniscono nel fine settimana per decidere una strategia in vista delle presidenziali del 2017, ma proprio in queste ore piovono sondaggi di popolarità negativi che riportano la leader Marine Le Pen ai livelli del 2011, quando ereditò dal padre Jean-Marie le redini del Front National. In particolare, dopo un progressivo "sdoganamento", torna a toccare quota 56% la percentuale dei francesi convinti che il Front rappresenti un pericolo per la democrazia. Il 62% afferma di non averlo mai votato e di non avere intenzione di farlo in futuro. Il 63% è in disaccordo con le idee lepeniste, il 54% pensa che il Front National sia solo opposizione e soltanto il 22% pensa che Marine Le Pen sia un buon presidente della Repubblica.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA