Nepal: Costituzione, Madhesi scontenti

Approvate prime modifiche ma sono parziali per minoranza etnica

Il Parlamento del Nepal ha approvato le prime modifiche alla nuova Costituzione promulgata soltanto quattro mesi fa per venire incontro a rivendicazioni della popolazione di etnìa Madhesi (di origine indiana) da quasi sei mesi protagonista di proteste e scontri con la polizia nel sud del Paese. I primi due emendamenti approvati con la richiesta maggioranza dei due terzi, riferisce oggi The Himalayan Times, riguardano la garanzia di inclusione proporzionale dei membri delle comunità più svantaggiate negli organismi dello Stato e un aumento delle circoscrizioni elettorali nella regione di Tarai, abitata dai Madhesi.
    Tuttavia i responsabili della comunità in rivolta si sono dichiarati oggi "insoddisfatti" per le modifiche ritenute "parziali" perché in esse non ha trovato posto la richiesta di ridisegnare i confini federali delle regioni in Nepal. Gli scontri fra manifestanti e polizia, quasi quotidiani, sono costati finora la vita ad almeno 55 persone.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA