Davos: cannabis tra soldati svizzeri

Portavoce esercito, sicurezza non è stata compromessa

 Suscita stupore la notizia del consumo di cannabis e cocaina da parte di alcuni soldati svizzeri impegnati nel garantire la sicurezza al World economic forum (WEF) di Davos.
    Un controllo - ha riferito il Corriere del Ticino ripreso da altri media elvetici - ha rivelato che dodici soldati avevano consumato cannabis e che cinque di loro sono risultati positivi anche alla cocaina. Successivi controlli hanno permesso di individuare un soldato in possesso di 3 grammi di polvere bianca. Quest'ultimo è stato rinviato immediatamente a casa e dovrà rispondere davanti alla giustizia civile. Mandati a casa anche i consumatori di cocaina, che saranno puniti, mentre sanzioni disciplinari hanno colpito i fumatori di spinelli. Si tratta principalmente di soldati del Ticino e dei Grigioni Stefan Hofer, portavoce dello Stato Maggiore dell'esercito, ha confermato le informazioni pubblicate dal Corriere del Ticino ed affermato che la sicurezza del Wef non è stata compromessa da tali incidenti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA