Ucraina: Farnesina conferma, morto fotografo italiano

Vicepremier ucraino, nostre truppe "non sono da accusare" per la morte del giornalista italiano Andrea Rocchelli e del suo interprete

Le truppe ucraine "non sono da accusare" per la morte del giornalista italiano Andrea Rocchelli e del suo interprete nell'est del Paese. Lo sostiene il vicepremier ucraino, citato dalle agenzie russe. La responsabilità delle forze di Kiev nell'episodio e' stata invece indicata dagli insorti filo-russe, ma anche da un fotografo francese che era con Rocchelli e che é rimasto ferito nella circostanza. 

E' stato ucciso in Ucraina il fotografo italiano Andy Rocchelli: lo conferma la Farnesina. Trentenne, piacentino, era uno dei fondatori del collettivo fotografico Cesuralab. E' morto anche il suo interprete.

Il ministro degli Esteri Federica Mogherini ha espresso il suo dolore per l'uccisione di Rocchelli ed ha chiesto alle autorità ucraine "che sia accertata rigorosamente la dinamica dell'attacco di cui è rimasto vittima". "Nelle prossime ore sentirò personalmente il ministro degli Esteri ucraino, Andrii Deshchtsia", ha spiegato.

"L'uccisione di un operatore dell'informazione, nello svolgimento dei suoi compiti, richiama a tutti la tragedia che insanguina un paese a noi vicino anche in questi giorni così importanti per l'Europa", ha commentato da parte sua Giorgio Napolitano dopo aver appreso "con costernazione e dolore" dell'uccisione di Andrea Rocchelli in Ucraina".

"La Farnesina è stata informata dalle autorità ucraine dell'uccisione del giornalista italiano Andrea Rocchelli che si trovava nell'area di Slaviansk", rende noto il ministero degli Esteri. "All'accertamento definitivo - aggiunge la Farnesina - manca il riconoscimento della salma che è stata trasferita, insieme a quella di un cittadino russo, dall'ospedale di Andreevka a quello di Slaviansk, distante pochi chilometri".

I genitori di Andrea Rocchelli sono attesi a Kiev nel tardo pomeriggio di domenica, fanno sapere all'ANSA fonti dell'ambasciata italiana in Ucraina. Il personale diplomatico italiano sta cercando di fare in modo che le spoglie del giornalista siano portate a Kiev. Il fotografo è stato colpito sabato a Sloviansk, nella regione ucraina di Donetsk, dove si trovava insieme al suo interprete. 

"I cadaveri di Andy Rocchelli e dell'interprete sono stati recuperati e si trovano all'obitorio di Sloviansk": ha riferito la freelance Roza Kazan, citando il servizio informazioni delle forze separatiste in città, dove è stato imposto il coprifuoco.

 Secondo il capo delle milizie di autodifesa dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk citato dall'agenzia russa Interfax potrebbero essere stati i colpi sparati dall'esercito ucraino a uccidere Rocchelli e Mironov. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA