Tonfo a Piazza Affari per Fca con causa Gm, -3,9%

Il gruppo del Lingotto replica alle accuse: 'Sconcertati, senza fondamento'

Avvio di seduta pesante a Piazza Affari per Fca dopo che Gm ha annunciato una causa contro il gruppo italo-americano, accusandolo di aver inquinato le trattative sul contratto di lavoro pagando tangenti ai sindacati. Il gruppo del Lingotto, che accusa il concorrente di voler far deragliare l'alleanza con Psa, cede il 3,9% a 13,42 euro.

General Motors accusa Fca di averla danneggiata manipolando le trattative per il rinnovo del contratto di lavoro con il United Auto Workers fra il 2009 e il 2015 e punta il dito contro l'ex amministratore delegato, Sergio Marchionne, definito una "figura centrale" nello schema di tangenti pagato da Fca al Uaw per indebolire Gm e spianare la strada alle nozze con Fiat Chrysler.

Accuse che Fca ritiene "senza merito": assicurando che si difenderà con tutti i mezzi legali a disposizione, Fca si dice "stupita per i contenuti e la tempistica" dell'azione legale. "Possiamo solo presumere che punti a fermare la proposta fusione con PSA e le trattative con il Uaw" aggiunge Fca. 

E ancora, il gruppo promette che "si difenderà con tutte le forze dalla causa promossa ieri da General Motors". E in una nota definisce le accuse "un tentativo senza basi di distogliere l'attenzione dalle sfide proprie di quella società". L'azienda parla di "sconcertante manovra" che "viene in un momento in cui Fca sta dimostrando di essere un concorrente sempre più forte" con il piano di fondersi con Psa.  

"Ci tenevo a contattarvi personalmente per assicurarvi che non ci faremo frenare da questa azione". Lo scrive l'amministratore delegato di Fca, Mike Manley, in una lettera ai dipendenti in merito alla causa intentata da General Motors contro il gruppo. "Manteniamo alto il nostro livello di prestazioni perché ha chiaramente preoccupato alcuni dei nostri concorrenti", dice Manley che ringrazia i lavoratori per il lavoro che continuano a fare "per creare un'azienda straordinaria".   

 

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who