• Ex Ilva, Conte studia mix misure. Gualtieri boccia l'Ilva di Stato

Ex Ilva, Conte studia mix misure. Gualtieri boccia l'Ilva di Stato

ricorso dei commissari: 'Arcelor Mittal non può recedere'

Le condizioni giuridiche del recesso del contratto di affitto dell'ex Ilva, preliminare alla vendita, non ci sono e quindi ArcelorMittal deve andare avanti. E' questo il cuore del ricorso con urgenza e cautelare, ex articolo 700, che verrà presentato in settimana in Tribunale a Milano dai legali dei commissari straordinari. Intano è slitatto il deposito, sempre nel palazzo di giustizia milanese, dell'atto con cui la multinazionale chiede il recesso del contratto.

Lo 'scudo penale' non è una condizione che consente il recesso del contratto da parte di ArcelorMittal. E' questo uno dei punti del ricorso. Altro punto contestato nel ricorso dei commissari riguarda Afo2, l'altoforno che, al contrario di quanto sostiene la multinazionale nel suo atto di recesso, non è spento.

Intanto Maurizio Landini, segretario della Cgil, precisa: "Noi troveremmo utile che dentro a questa società ci sia anche una presenza pubblica: era una delle cose che si stava discutendo da tempo. Il governo decida con quale strumento esserci: se Cdp o un altro fondo, così come succede nel resto d'Europa e del mondo". Ma il ministro dell'economia Roberto Gualtieri risponde sull'ipotesi di 'nazionalizzazione' dell'ex Ilva che tutti i costi di un risanamento industriale addossati allo Stato "è una pericolosa illusione".Un intervento della Cdp "non va escluso dalla cassetta degli strumenti di cui disponiamo" mentre "l'idea che nelle crisi industriali c'è una soluzione magica con lo Stato che compra è una pericolosa illusione, eviterei una discussione bianco e nero", aggiunge Gualtieri all'incontro 'Metamorfosi' di Huffpost.

E dalle pagine de 'Il Fatto quotidiano' il premier Conte precisa: "Soltanto se Mittal venisse a dirci che rispetterà gli impegni previsti dal contratto - cioè produzione nei termini previsti, piena occupazione e acquisto dell' ex Ilva nel 2021 - potremmo valutare una nuova forma di scudo". Conte nell'intervista parla di "un nuovo incontro a breve con i titolari" e annuncia una "battaglia legale.

E sull'ex Ilva interviene anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio che, a Uno Mattina, ricorda come, nonostante fosse stato proposto lo scudo, i vertici dell'azienda avevano confermato comunque i 5 mila esuberi. Il leader della Cgil Landini definisce "utile" una presenza dello Stato nell'acciaieria.

"Conte sta lavorando a una soluzione per salvaguardare il polo produttivo", ha detto in serata il segretario del Pd Nicola Zingaretti parlando da New York. "Finora - ha aggiunto - le condizioni poste sono inaccettabili".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who