La Germania contro l'ultima mossa di 'Draghila'

L'attacco della Bild e di Der Spiegel. Il presidente della Bundesbank: ' La Bce è andata oltre il dovuto'

L'attacco al presidente della Bce Mario Draghi comincia con un fotomontaggio della Bild, il quotidiano a larga tiratura tedesco che sottolinea il malcontento in Germania per i tassi negativi creati dalla Bce, con un fotomontaggio che presenta il presidente della Bce con denti aguzzi e mantello rosso di Dracula. "Così il conte Draghila succhia i nostri conti correnti, svuotandoli" titola il giornale, che parla di "follia monetaria: nel suo mandato abbiamo perso miliardi".  "Chi, poco prima dell'entrata in carica di Draghi (novembre 2010) ha depositato 10 mila euro in un normale libretto di risparmio oggi deve sopportare - per tassi zero e inflazione - una perdita di valore di 324 euro", scrive fra l'altro il quotidiano.

Ieri la Bce ha nuovamente armato il bazooka con un nuovo Qe da 20 miliardi al mese finché sarà necessario, con il pressante appello per uno stimolo di bilancio agli stati che hanno spazio di manovra - come la Germania - ad utilizzarlo "in maniera efficace e tempestiva".

Il presidente della Bunedsbank, Jens Weidmann, critica duramente il nuovo pacchetto di politica monetaria ultra-espansiva che Mario Draghi ha annunciato ieri dopo un'approvazione per consenso e non unanime. In un'intervista pubblicata dal sito del quotidiano tedesco Bild, Weidmann dice che la Bce "dal mio punto di vista si è spinta oltre il dovuto" dato che "la situazione economica non è veramente negativa, i salari salgono nettamente". "Non si vede il pericolo di una deflazione, quindi di prezzi e stipendi in calo in maniera duratura", ha aggiunto Weidmann ammettendo comunque che "la congiuntura si è raffreddata, soprattutto in Germania e anche altrove nell'eurozona" e ricordando che ieri "il Consiglio Bce ha deciso un ampio pacchetto per allentare ancora la politica monetaria". "Un pacchetto così ampio non sarebbe stato necessario", ha sostenuto il banchiere centrale tedesco il quale ha annunciato che si adopererà "affinché aumenti dei tassi non vengano rinviati inutilmente".

Il sito del settimanale tedesco Der Spiegel sostiene che nel Consiglio di ieri il presidente della Bce Mario Draghi "ha incontrato la più accanita resistenza del suo mandato". Basandosi su proprie informazioni, la rivista sostiene che "nel Consiglio della Banca centrale la maggioranza è stata così ristretta come mai prima, anche se poi alla fine Draghi ha dato un'altra impressione. Secondo insider, un numero a due cifre del consesso a 25 ha argomentato contro le misure proposte da Draghi".

   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who