Borsa Milano fiacca, spread in calo

Argentina pesa su Tenaris

Avvio di settimana cauto per Piazza Affari, che ha guardato anche alla crisi politica: l'indice Ftse Mib ha chiuso in calo dello 0,30% a 20.263 punti, l'Ftse All share in ribasso dello 0,15% a quota 22.167.
   Con gli indici europei limati e anche Wall street debole, a
Milano tra i titoli principali spicca il ribasso di alcuni
gruppi bancari con vendite aumentate nel finale di seduta:
Fineco ha ceduto il 2,2%, Bper il 2,1%, Intesa due punti
percentuali e Unicredit l'1,4%. Segno di un forte nervosismo in
una giornata nella quale lo spread è migliorato, mentre i cali
di Tenaris (-3,2%) e in parte di Saipem (-2,4%) sono legati alla
crisi argentina. Positivi invece Italgas, Poste e Ferrari saliti
di oltre un punto, bene Campari in rialzo del 2,9%.
Nel paniere a miniore capitalizzazione, Rcs ha ceduto oltre
il 7%, Fincantieri e Salini più del 4% anch'essi con un occhio a
Buenos Aires. Ancora di corsa Banca Intermobiliare (+15%) dopo che Bankitalia ha confermato i requisiti di capitale.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who