Lo spread tra Btp Bund apre stabile intorno ai 200

Decennale all'1,57%

Partenza stabile sui minimi raggiunti ieri per lo spread tra Btp e Bund che segna 196 punti base. Il rendimento del titolo decennale è stamane all'1,57% e resta ai minimi da ottobre 2016. Alle 10.30 il differenziale è a 202.

Ieri l'annuncio da parte dell'Europa che non ci sarà una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia.

Effetto spread su Piazza Affari nelle prime contrattazioni della mattinata. L'indice Ftse Mib (+0,4%) conferma il rialzo segnato in apertura, portandosi in testa alla classifica delle borse europee spinto dai bancari Mps (+4%), Ubi (+3,23%), Unicredit (+2,8%), Banco Bpm (+2,2%) e Intesa (+2%), con il differenziale tra Btp e Bund sotto quota 200 punti. Piuttosto elevato il numero di ribassi, da Leonardo (-1,47%) a Campari (-1%), da Terna -1,12%) a Juventus (-1%). Poco mossa Fca (-0,06%), bene Mediaset (+1,2%), che ha ricevuto un atto di citazione da Vivendi (+0,16% a Parigi), riguardante il contenzioso sulla partecipazione in assemblea e il voto maggiorato. Acquisti su Salini Impregilo (+2,3%) in attesa della proposta per Astaldi (+1,87%), debole Atlantia (-0,55%). Giù Edison (-2%) che ha ceduto la divisione E&P a Energean Oil and Gas (+8,68% a Londra). 
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video Economia


    Vai al sito: Who's Who