Biagio Mazzotta

Romano, 57 anni, sarà lui a 'bollinare' la manovra

Cinquantasette anni appena compiuti, romano, studi in economia alla Sapienza con una laurea di 106/110 e un master all'Istituto di studi europei Alcide De Gasperi.

Biagio Mazzotta, il nuovo Ragioniere generale dello Stato, ha alle spalle una carriera svolta tutta a Roma intorno alla contabilità pubblica e privata, che l'ha portato alla presidenza di Sogei, il braccio informatico del ministero dell'Economia; a presiedere il collegio dei revisori della Rai, e al ruolo di di direttore generale della Ragioneria generale dello Stato, numero due del Ragioniere uscente Daniele Franco che, dopo un anno di proroga, torna in Bankitalia come vicedirettore generale e componente quindi del direttorio di Via Nazionale.

Appassionato di sport, pratica il nuoto e il calcio, informano dal ministero dell'Economia, e cinema e musei sono gli altri principali interessi di mazzotta, l'uomo scelto dal ministro dell'Economia Giovanni Tria che avrà il potere di dare, o negare, la 'bollinatura' alla manovra.

Ha insegnato contabilità di Stato e finanza pubblica presso la Scuola Superiore Economia e Finanze e la Scuola Superiore della P.A. E' iscritto al registro dei revisori contabili e possiede l'abilitazione all'insegnamento delle discipline giuridico-economiche.

Mazzotta si dimetterà dalla presidenza di Sogei e dal collegio dei revisori dell'Ente Parco Colosseo, altro ruolo rivestito finora, e la posizione alla Rai è in scadenza e non sarà rinnovata.

Mazzotta si dimetterà dalla presidenza di Sogei e dal collegio dei revisori dell'Ente Parco Colosseo, altro ruolo rivestito finora, e la posizione alla Rai è in scadenza e non sarà rinnovata. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA