Tav, l'analisi costi-benefici inviata alla Francia

A breve sarà fissato un incontro bilaterale

L'analisi costi-benefici sulla Tav è stata consegnata alla Francia. Il ministero dei Trasporti ha fornito oggi il documento a Christian Masset, ambasciatore transalpino in Italia. Un passaggio concordato dai ministri ai Trasporti dei due Paesi, Danilo Toninelli e Elizabeth Borne, "punto di partenza di una interlocuzione tra i due esecutivi - fa sapere il ministero - che proseguirà a breve con un incontro bilaterale. Come già annunciato da Toninelli, analoga procedura verrà seguita con l'Unione Europea, prima ancora della validazione e della pubblicazione del dossier, che resta top secret. E' stato l'ambasciatore Masset a recarsi al ministero, dove a riceverlo c'era il capo di gabinetto, Gino Scaccia.

Al momento "non sono state prese decisioni e non ci sono novità", precisa all'ANSA Francesco Ramella, membro della commissione che si è occupata dell'analisi. "Sono a Roma, al ministero, e non in gita scolastica, a definire quello che dobbiamo raccontare a Bruxelles", si limita ad aggiungere l'ingegnere, esperto di trasporti e docente dell'Università di Torino che ha lavorato al dossier con Marco Ponti. Parla di una "umiliazione per il Parlamento e per gli italiani", sostiene il parlamentare sì Tav di Forza Italia Osvaldo Napoli. "Così il governo francese verrà a conoscenza della pretestuosa e fantasiosa analisi costi-benefici - aggiunge - mentre gli italiani al momento conoscono solo i costi di avere Toninelli ministro della Repubblica, di benefici neppure l'ombra".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who