Nissan: Ghosn verso le dimissioni da Renault

Giovedì Cda della casa francese potrebbe nominare il successore

L'ex presidente del gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi Motors, Carlos Ghosn - in stato di fermo a Tokyo da oltre due mesi con le accuse di illeciti finanziari - è pronto a dimettersi dal suo ruolo di presidente e amministratore delegato della casa auto francese. Lo anticipa il canale pubblico Nhk, che cita fonti a conoscenza del dossier.

Renault ha in programma un Cda nella giornata di giovedì per decidere le nuove nomine all'interno della struttura di comando. Il governo francese - che con il 15% del capitale è il principale azionista della Renault - spinge per una sostituzione dell'ex tycoon, spiega la Nhk, e i membri del board della casa transalpina dovranno elaborare un piano per riequilibrare l'alleanza con Nissan. Renault controlla il 43% del costruttore nipponico, con diritti di voto, mentre la Nissan - che genera di gran lunga la maggiore redditività all'interno del gruppo - possiede appena il 15% della casa francese, senza poter esercitare i diritti di voto. Ghosn è stato licenziato da Nissan all'indomani del suo arresto, il 19 novembre, ma era stato confermato nel suo ruolo dalla Renault. Martedì il tribunale di Tokyo ha respinto il secondo ricorso avanzato dai legali di Ghosn per la concessione della libertà provvisoria. L'ex top manager 64enne continua e negare ogni accusa avanzata nei suoi confronti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who