Prezzi: sale l'inflazione per famiglie meno abbienti nel 2018

Unione consumatori, da 2007 perso 37,1% fatturato

Nel 2018 i prezzi al consumo registrano una crescita dell'1,2%, replicando la dinamica annua del 2017, lo afferma l'Istat, confermando le stime preliminari sull'inflazione. L'inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, è stabile a +0,7%.

Il tasso di inflazione a dicembre scende all'1,1%, in rallentamento rispetto all'1,6% di novembre, secondo l'Istat che ha confermato le stime preliminari. Nel mese di dicembre 2018, l'istituto stima che l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisca dello 0,1% rispetto al mese precedente.

L'Istat ha rivisto al ribasso le stime sull'andamento dei prezzi del cosiddetto carrello della spesa. Per i prodotti di largo consumo, la crescita dei prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona da +0,9% di novembre si porta a +0,7% (la stima preliminare era +0,8%). Nell'intero anno i rincari medi di questi acquisti sono dell'1,2%, in linea con il tasso di inflazione generale del 2018 e in frenata rispetto al +1,5% del 2017.

I rincari dei prezzi hanno colpito soprattutto le famiglie meno abbienti nel 2018, secondo un'analisi dell'Istat sull'indice Ipca. Nella media dell'anno, per il 20% delle famiglie con la minore capacità di spesa, l'inflazione ha segnato un'accelerazione rispetto ai valori del 2017 fino all'1,5% (era +1,4% l'anno precedente), mentre quella relativa al 20% delle famiglie più abbienti è scesa a +1,1% dall'1,3%. Si è ampliata così di 3 decimi di punto percentuale il differenziale inflazionistico tra i due gruppi.

Unione consumatori, da 2007 perso 37,1% fatturato - L'Unione nazionale consumatori boccia come "negativi" i dati Istat sul fatturato e gli ordinativi dell'industria a novembre 2018 e parla di "recessione ormai dietro l'angolo". Secondo uno studio dell'associazione, se si confrontano i dati dei premi 11 mesi del 2018 con quelli medio pre-crisi del 2007, il fatturato totale è sceso del 37,1% e quello interno è crollato del 43,6%. Gli ordinativi totali sono calati in 11 anni del 31,6% e quelli interni del 40,6%. "Il campanello d'allarme suona per il mercato interno: rispetto ad un anno fa, il fatturato scende dello 0,4% e gli ordinativi precipitano del 4,4%", afferma il presidente dell'Unc, Massimiliano Dona, commentando i dati di novembre."Per tornare ai valori pre-crisi serviranno secoli, visto che il Paese peggiora invece di migliorare" conclude Dona.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who