Cirio: 35mila risparmiatori coinvolti, crac nel 2002 - SCHEDA

In fumo bond da 1,2 miliardi, l'insolvenza nel 2003

Sono almeno 35mila, secondo le associazioni dei consumatori, i risparmiatori che sono rimasti coinvolti nel crac Cirio, l'azienda guidata da Sergio Cragnotti finita in default nel 2002 per il mancato pagamento delle cedole sulle obbligazioni da 1,2 miliardi di euro e poi dichiarata successivamente insolvente nel 2003.
    Il gruppo Cirio, secondo quanto viene riportato nella relazione dei commissari giudiziali, ha alla fine del 1999 - dopo una forsennata campagna di acquisizioni (Del Monte, Bombril e la società sportiva Lazio) costata oltre 640 milioni - un debito superiore al miliardo di euro, di cui l'85% verso le banche. Una somma pari così al fatturato e a circa due volte il patrimonio netto. A questo punto il gruppo decide di avviare una serie di emissioni obbligazionarie in Lussemburgo (non dotate quindi di rating) e teoricamente destinate ai soli investitori istituzionali ("ma successivamente acquistabili e acquistati da chiunque") che tra il 2000-2002 ammontano a 1,25 miliardi di euro. In questo modo l'indebitamento rimane stabile ma il debito delle banche passa dagli oltre 870 milioni di fine 1999 ai 335 milioni del 2002 e si sposta così verso gli obbligazionisti (850 milioni di euro. I principali istituti coinvolti nelle emissioni sono Abaxbank-Credem, Ubm-Unicredit, Banca Akros e Capitalia.
    Già nel 2001, tuttavia, scrivevano i commissari, le attività operative del gruppo non riuscivano a creare cash flow sufficiente alla copertura degli interessi relativi alle obbligazioni emesse. Per cui si doveva ricorrere a nuovo debito per coprire la spesa in conto interessi, "secondo una delle più classiche formule di avvitamento finanziario delle imprese". L'8 novembre 2002 arriva l'insolvenza del bond da 150 milioni cui segue, a cascata ('cross default') quello delle altre sei emissioni delle varie società del gruppo. Un tentativo di salvataggio predisposto dagli advisor Livolsi e Rotschild viene bocciato dall'assemblea degli obbligazionisti nel luglio 2003 e a settembre viene decisa l'applicazione dell'amministrazione straordinaria utilizzando la Prodi-bis.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who